Milano, donna transgender trovata morta in casa: uccisa con 50 coltellate

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 21 Lug. 2020 alle 13:21 Aggiornato il 21 Lug. 2020 alle 13:23
60
Immagine di copertina

Manuela De Cassia, 48 anni e donna transgender, è stata trovata morta nel suo appartamento al secondo pano di un condominio milanese. A scoprire il cadavere della quarantottenne Manuela De Cassia sono stati i vigili del fuoco, chiamati con Unareti, per una fuga di gas dai vicini allarmati per l’odore che proveniva dall’alloggio.

Secondo quanto si apprende, la donna è stata accoltellata al torace e alla schiena, con oltre 50 fendenti. Un delitto efferato sul quale indagano i carabinieri. L’arma del delitto non è stata trovata. Sul posto sono arrivati il medico legale e il pm di turno. I carabinieri del nucleo investigativo stanno effettuando i rilievi e sentendo alcune persone.

Nel ricordarla su Facebook, l’attivista Antonia Monopoli, che in un precedente post aveva stigmatizzato giornali e agenzie per aver parlato della vittima al maschile, ha scritto: “Manuela De Cassia, una donna transgender con un sguardo dolcissimo. Mi unisco alle tante persone che in questo momento stanno esprimendo il proprio dolore. Che la terra le sia lieve”.

Una delle piste su cui si indaga è che sia la donna sia stata uccisa al culmine di una lite. Ma dell’arma del delitto ancora nesssuna traccia. L’assassino ha aperto il gas prima di scappare e di chiudere la porta.

60
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.