Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Mantova, 20enne segregata in casa dalla famiglia che non approvava la sua relazione sentimentale

Immagine di copertina
Carabinieri, immagine di repertorio

Una ragazza di 20 anni è stata tenuta segregata in casa dalla famiglia che non vedeva di buon occhio la relazione tra lei e un giovane dipendente, di origine pakistana, dell’azienda tessile di proprietà del padre della ragazza. Tutto questo accade a Mantova. Quando finalmente la ragazza è riuscita a sottrarre il cellulare alla madre ha subito avvertito i Carabinieri: “Sono 15 giorni che mi tengono chiusa in casa, venite ad aiutarmi”.

A darne notizia è il Fatto Quotidiano che spiega la dinamica dei fatti: Chiamato dalla ragazza, il fidanzato le ha detto di rivolgersi immediatamente al 112. Mentre i militari di Castiglione delle Stiviere allertavano quelli di Asola, l’operatore ha cercato di ottenere il maggior numero di informazioni possibili e di tenere tranquilla la giovane. Al loro arrivo i carabinieri hanno trovato la porta di casa sbarrata. Ma la ventenne si è affacciata in lacrime alla finestra, così gli uomini dell’arma sono riusciti a liberarla.

La 20enne, giunta in caserma, ha descritto il clima difficile vissuto in famiglia, comprese le violenze e le durissime condizioni di lavoro che la famiglia le aveva imposto prima del sequestro. Il padre era infatti già noto alle forze dell’ordine e aveva precedenti per sfruttamento. Quest’ultimo aveva poi deciso di distruggerle il cellulare – per interrompere ogni comunicazione con il fidanzato – e chiuderla in casa, finché non avesse cambiato idea.

Sempre il Fatto Quotidiano ricorda che nella ditta del padre della giovane poi liberata Nella ditta si lavorava senza giorni di riposo, con orari massacranti e salario bassissimo o addirittura inesistente.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trento, 18enne scompare mentre va a scuola: ritrovato lo zaino non lontano dall’abitazione
Cronaca / Il nipote di Rino Gaetano contro Giorgia Meloni: “Non usi sue canzoni per festeggiare vittoria”
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto