Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Malta, subisce un aborto spontaneo ma i medici si rifiutano di operarla: turista americana rischia la vita

Immagine di copertina
Sit-in davanti al palazzo del governo a La Valletta, per protestare contro il divieto di aborto a Malta. Credit: ANSA/PAOLA TAMBORLINI

Malta, subisce un aborto spontaneo ma i medici si rifiutano di operarla: turista americana rischia la vita

Una turista americana è in pericolo di vita dopo aver subito un aborto spontaneo a Malta, il paese europeo con le norme più restrittive sull’interruzione di gravidanza. I medici maltesi si sono finora rifiutati di portare a termine l’aborto, che la legge maltese vieta in ogni caso, nonostante la donna rischi la setticemia.

La donna di Seattle, incinta di 16 settimane, si era recata sull’isola per trascorrere insieme al compagno le vacanze. Poco dopo il suo arrivo, ha avuto una prima emorragia, seguita un paio di giorni dopo dalla rottura delle acque. Secondo quanto dichiarato dal compagno Jay Weeldreyer, i medici si sono rifiutati di operare la donna perché il cuore del feto non ha ancora smesso a battere.

Praticare l’aborto potrebbe portare a una condanna fino a quattro anni, nonostante gli stessi medici ritengano che per il bambino “non c’è alcuna possibilità di sopravvivenza”.

Secondo Weeldreyer, i medici si sono anche rifiutati di autorizzare il trasferimento della paziente in un paese dove potrebbe completare l’aborto.  Questo perché la compagnia assicurativa non è riuscita a organizzare il viaggio, a causa delle possibile ricadute penali.

“Abbiamo scelto Malta perché era sicura e aveva una buona assistenza sanitaria, e ora siamo tenuti in ostaggio da questa situazione”, ha detto Weeldreyer al Times of Malta, ripreso da Reuters.

L’ong maltese Doctors For Choice ha rilanciato l’appello della coppia, ricordando il caso di Savita Halappanavar, morta nel 2012 in Irlanda a seguito di un aborto spontaneo a 17 settimane dall’inizio della gravidanza, che aveva provocato una setticemia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Cronaca / Mattia Giani morto dopo il malore in campo, il papà: “Non c’erano medici, ambulanza in ritardo e nessuno usava il defibrillatore”
Cronaca / Prefetto di Roma: “Grandissima attenzione su eventi sportivi”
Cronaca / Napoli, sgominato nuovo clan: pizzo anche al Castello delle Cerimonie
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni