Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Luana D’Orazio, nuovi dettagli della perizia: “L’orditorio manomesso per velocizzare il lavoro”

Immagine di copertina
Luana D'Orazio Credits: Facebook

Due manomissioni effettuate allo scopo di evitare interruzioni e velocizzare la produzione a discapito della sicurezza: una è stata apportata al quadro elettrico, l’altra alla parte meccanica. La prima, in particolare, avrebbe permesso al macchinario che ha ucciso Luana D’Orazio di funzionare in automatico anche con la saracinesca di protezione abbassata. È quanto trapela dai primi risultati della perizia svolta sui due orditoi al centro dell’inchiesta della Procura di Prato sulla morte dell’apprendista di 22 anni, mamma di un bimbo di 5, risucchiata e stritolata il 3 maggio dal macchinario al quale stava lavorando in una ditta tessile di Oste di Montemurlo.

Mercoledì sono stati interrogati in procura i coniugi Luana Coppini e Daniele Faggi, convocati dal sostituto procuratore Vincenzo Nitti e sentiti rispettivamente come titolare e come gestore di fatto dell’orditura Luana, dove è avvenuto l’incidente mortale. Entrambi sono indagati per omicidio colposo e rimozione o omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Dalle prime verifiche era già emerso che il sistema di sicurezza era disattivato al momento dell’incidente.

La contestazione del secondo reato si riferirebbe proprio alla presunta disattivazione di una fotocellula che regola l’abbassamento automatico del cancello di sicurezza dell’orditoio gemello di quello al quale stava lavorando Luana. In base ai controlli eseguiti, infatti, il sensore sul macchinario sarebbe stato presente e perfettamente funzionante, ma in qualche modo disattivato al momento dell’incidente.

I due orditoi sono stati prodotti dalla tedesca “Karl Mayer TexilmachineFabrik Gmbh”, i cui tecnici hanno collaborato con i periti nella lettura dei dati dei due impianti. Secondo quanto emerso, la Coppini avrebbe risposto alle domande degli inquirenti, mentre il marito si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere.

Per gli stessi reati è finito iscritto sul registro dei magistrati anche il tecnico manutentore, Mario Cusimano, già ascoltato dagli inquirenti nei giorni scorsi. La Procura punta a definire anche quale fosse la reale mansione di Luana e quali dotazioni infortunistiche indossava la giovane.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil