Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Gli ex lavoratori della fabbrica di penicillina scrivono al IV Municipio di Roma: “Serve un progetto per preservare la memoria”

Immagine di copertina

TPI riceve e pubblica la lettera firmata da 64 ex lavoratori della Leo, lo stabilimento abbandonato da anni che si trova in via Tiburtina, vicino alla borgata di San Basilio. Occupata negli ultimi decenni da persone senza fissa dimora, la fabbrica è stata oggetto di un massiccio sgombero a dicembre 2018 ed è stata poi rioccupata. A settembre 2021 è scoppiato al suo interno un incendio, un episodio che preoccupa vista anche la presenza di amianto e sostanze tossiche nel rudere

Alla cortese attenzione del Presidente del IV Municipio Massimiliano Umberti, siamo un gruppo di ex-lavoratori della fabbrica di penicillina di Via Tiburtina, di fronte alla borgata di San Basilio, un tempo grande industria di antibiotici, in particolare di penicillina, e ora da anni ridotta a un rudere fatiscente e pericoloso. Malgrado gli anni trascorsi, noi ex-lavoratori abbiamo conservato un forte senso di comune appartenenza per il nostro lavoro: la fabbrica è stata, nel bene e nel male, il centro della vita per molti di noi. Lì abbiamo impiegato le nostre capacità e il nostro ingegno, lì sono nate relazioni personali e le amicizie che ancora ci tengono uniti. Gli anni in fabbrica non sono stati semplici: il lavoro era gravoso e pericoloso  nei decenni passati c’era scarsa attenzione alla sicurezza sul lavoro e in generale all’ambiente). Ciononostante abbiamo conservato per quell’importante periodo della nostra vita una memoria forte e indelebile che ci ha portato a costituire un gruppo molto attivo e unito (Quelli della Leo, dal primo nome della fabbrica) nel quale sono presenti tante persone con esperienze molto diverse ma unite nella comune memoria.

Per questo siamo addolorati e arrabbiati ne vedere l’attuale stato della fabbrica, indegno per la nostra storia e indegno per la stessa città di Roma. Il fatto che la fabbrica sia ancora di proprietà privata non giustifica il disinteresse dell’Amministrazione, perché la fabbrica è parte integrante della zona Est di Roma e i pericoli che essa presenta e che noi ben possiamo ricordare (amianto, scorie chimiche) coinvolgono direttamente la popolazione della zona[1]. Quindi chiediamo che ci sia un progetto e un intervento ungente per risolvere un problema ormai più che decennale e le chiediamo un incontro a breve per esporre le nostre ragioni e le nostre proposte su quello che consideriamo in tutto e per tutto un bene pubblico. In particolare chiediamo a gran forza che nel progetto di recupero del rudere (o anche in anticipo, se possibile) si pensi a istituire un luogo nel quale riversare testimonianze, memorie, manufatti reperibili della nostra vecchia fabbrica. Infatti pensiamo che la conservazione della memoria di un luogo (e una memoria così storicamente rilevante) sia fondamentale per la storia civile della nostra città e dei nostri quartieri.

Roma, 14 dicembre 2021

Gli ex lavoratori Leo: Albertini Mario, Amantini Antonio, Andreoni Francesca, Baccani Ugo, Bernabei Fabio, Biello Daria, Cambiè Leonardo, Capri Franco, Cedrini Franco, Censi Romolo, Ceraolo Carmela, Cerroni Gloria, Cervetti Franco, Ciacciarelli Agostino, Collina Enzo, De Angelis Angelo, Di Croce Pietro, Di Paolo Claudio, Diotallevi Bruno, Diotallevi Tiziana, Ferrari Carlo, Firli Attilio, Gargano Vittore, Gasparri Claudio, Gasperetti Bruno, Giammaria Tonino, Giunti Fabio, Giunti Paola, Giunti Viviana, Golia Carmelo, Lepantini Remo, Lucca Vincenzo, Mammola Carlo, Mancini Gino, Meani Fausto, Merli Nella, Mezzopra Antonio, Montorselli Renata, Morgante Roberto, Nozza Canio, Palluzzi Luciano, Palmisani Lorenzo, Pazzi Andrea, Pazzi Francesca, Pazzi Giorgio, Peris Patrizia, Perugini Massimo, Petrangeli Carmen, Petruccioli Rosa, Picardi Franco, Piscitelli Rita, Proietti Gabriele, Prosperi Ivano, Puri Gabriella, Rizzo Mario, Romanelli Giovanna, Ronchini Anna, Rossini Fernando, Ruggiu Rino, Sanna Lucia, Santilli Giulio, Santilli Vittorio, Sauli Mari, Sciamanno Mauro, Scolamacchia Pino, Senesi Franco, Valeri Maurizio, Vona Maurizio.

[1] Le vicende della fabbrica sono state raccontate nel libro Hotel penicillina che si è avvalso di molte testimonianze di noi lavoratori

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”