Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il padre di Desirée Mariottini arrestato per droga

Immagine di copertina
Credit: Lara Tomasetta

Gianluca Zuncheddu, il papà di Desirée Mariottini – la ragazza di soli 16 anni trovata morta il 18 ottobre 2018 nel quartiere romano di San Lorenzo – risulta tra le persone arrestate oggi dai carabinieri di Cisterna di Latina e di Aprilia con l’accusa di far parte di un gruppo criminale dedito al traffico di droga. Secondo quanto si apprende, Zuncheddu sarebbe l’organizzatore dello spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio di Cisterna.

Da febbraio ad agosto del 2018, due mesi prima che la figlia Desirée morisse, Gianluca Zuncheddu avrebbe gestito personalmente la consegna a domicilio della droga, cocaina soprattutto ma anche hashish e marijuana, ai soli clienti fidati dai quali prendeva le “ordinazioni” per telefono. Era lui, infatti, a gestire il lavoro di due pusher che materialmente portavano la droga ai clienti venendo poi stipendiati.

L’inchiesta denominata “Buffalo” è nata nel mese di febbraio 2018, otto mesi prima della morte di Desireé. I Cabinieri hanno dato il via alle operazioni dopo aver ricevuto una richiesta di aiuto da un giovane di Cisterna. Il ragazzo era stato aggredito e costretto a pagare un debito di droga contratto da un suo cugino.

La vicenda di Desirée Mariottini resta tra le pagine di cronaca più tristi degli ultimi anni. Una fine drammatica in un contesto di droga e degrado. A causa dell’emergenza Coronavirus è stato rinviato all’8 aprile il processo per individuare i colpevoli della morte della ragazza. Per ragioni di ordine sanitario, è stato deciso di non tenere le altre due udienze in calendario che erano fissate tra marzo e i primi di aprile. Al processo sono imputati 4 cittadini africani, Alinno Chima, Mamadou Gara, Yussef Salia e Brian Minthe, accusati di omicidio volontario, violenza sessuale aggravata e cessione di stupefacenti a minori.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 1.597 casi e 44 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / Inchiesta mascherine, l'ex commissario all'emergenza Covid Arcuri indagato per abuso d’ufficio e peculato
Cronaca / Come può cambiare il virus nei prossimi mesi: ecco tutte le variabili
Cronaca / Sgomberati dalla Regione Lazio, i no green pass Barillari e Cunial chiedono asilo politico alla Svezia
Cronaca / Trieste: la polizia sgombera il varco 4 del porto, occupato dai manifestanti no green pass
Cronaca / Antonio, Giampiero e Nicolas: chi sono i tre ballerini morti in un incidente in Arabia Saudita
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Cronaca / Covid, oggi 2.437 casi e 24 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / Tragedia nel bresciano: 15enne uccisa da un colpo di fucile sparato per sbaglio dal fratello di 13 anni
Cronaca / Trieste: si dimette Puzzer, leader dei portuali che contestano il Green pass. “Lascio ma la protesta continua”