Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Infermiera violentata a Napoli, il marito: “Dovevo fregarmene dei divieti e andare a prenderla”

Immagine di copertina

Infermiera violentata a Napoli, il marito: “Perché non ero con lei?”

Domenica 4 maggio un’infermiera di 48 anni è stata aggredita e violentata a Napoli. La donna aspettava l’autobus nel parcheggio della Metropark di corso Arnaldo Lucci, quando un cittadino senegalese irregolare si è avvicinato e l’ha aggredita. Una violenza che è andata avanti per almeno 45 minuti, senza che nessuno si fermasse nonostante le grida di aiuto. Solo l’autista del bus, una volta arrivato alla fermata, è sceso per intervenire in soccorso della vittima. L’aggressore è stato fermato dalla polizia.

“Quando sono corso in ospedale da mia moglie e l’ho vista seduta subito dopo l’aggressione ho visto il dolore, il dolore e ancora il dolore, solo dolore. Sono stato travolto completamente”. Lo racconta a Repubblica il marito della donna, fisiatra di nome Lino.

“A un certo punto ha squillato il telefono. Cosa farebbe se sentisse dall’altra parte sua moglie che singhiozza, le parole ‘sono stata aggredita’, poi ancora di seguito ‘sto andando in ospedale’ e, quindi, un poliziotto che mi chiede di raggiungerli in ospedale, al Cardarelli? Non ricordo neanche come sono arrivato all’ospedale Cardarelli, a Napoli… ma quando mi sono mosso non avevo ancora capito cosa era successo, non fino in fondo”, spiega l’uomo.

Giunto all’ospedale Cardarelli, dove la donna era stata ricoverata, Lino l’ha vista seduta su una sedia: “Non mi rendevo conto di niente. Ma senza sapere ho cominciato a piangere perché ho visto il volto spento di mia moglie. Spento, buio. Non c’era più la sua luce di sempre, il suo bel sorriso. Era assente. C’era ma non c’era e io volevo sapere ma non volevo sentire… Ero lì come intontito. Si va in tilt… Fino a quando non sono riuscito a portarla a casa non ho realizzato l’accaduto”.

Nel raccontare l’accaduto l’uomo si commuove più volte: “La donna della mia vita stava lottando con le unghie e con i denti per salvarsi in quei quarantacinque minuti ed io, io perché non ero lì? Perché qualcuno dal cielo non mi ha detto di andare a prenderla senza pensare ai divieti, di andare e basta?”. Il signor Lino però si domanda anche come mai nessuno abbia impedito questa violenza: “Perché nessuno stava guardando quelle telecamere in quei quarantacinque minuti? Perché nessuno ha protetto mia moglie al posto mio? Allora le telecamere in diretta nelle centrali operative delle forze dell’ordine sono soltanto roba da polizieschi americani? Nessuno le osserva quelle telecamere?”.

Qui le altre notizie di cronaca

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “No al Green Pass”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini
Cronaca / Tokyo 2020, Dell'Aquila: "Io vaccinato per l'oro, fatelo tutti"
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 luglio 2021
Cronaca / 17 morti e 5.143 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività a 2,1%
Cronaca / Burioni: “Dal 6 agosto i no vax saranno agli arresti domiciliari, chiusi in casa come sorci”
Cronaca / Il caso dell’imprenditore italiano in cella negli Emirati da 4 mesi. Avvocato a TPI: “L’Italia lo aiuti, non ci sono accuse”