Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

L’azienda ai giornalisti di Fanpage: “Vi diamo 300mila euro per fermare l’inchiesta”

Immagine di copertina

Giornalisti Fanpage | Inchiesta sui rifiuti in Veneto | Un’azienda offre soldi | Sesa

Una dimostrazione di professionalità e integrità. È quella data dai giornalisti di Fanpage.it, che hanno rifiutato un’offerta di 300mila euro offerti da un’azienda veneta per fermare un’inchiesta sui rifiuti. La Sesa, una delle maggiori imprese di compost in Europa, attraverso il responsabile relazioni esterne, ha proposto al giornale un enorme investimento pubblicitario, che è stato prontamente rispedito al mittente.

Giornalisti Fanpage | Offerti soldi per fermare un’inchiesta

“Spendiamo tanti soldi sui giornali per convincere della bontà di quello che stiamo facendo”, sono le parole di Angelo Mandato, patron di un impero costruito sui rifiuti, in un incontro riservato nel quale è stata intavolata un trattativa per un investimento pubblicitario da 300 mila euro su Fanpage. Ma l’offerta, ha spiegato il giornale, è arrivata proprio all’indomani della richiesta di intervista inviata dai giornalisti ai vertici delle società di Mandato.

L’offerta economica alla testata è stata proposta dal responsabile delle relazioni esterne della Sesa, Fabrizio Ghedin, che è anche un consulente del governo M5S-Lega, lo spin doctor di Vannia Gava, sottosegretaria leghista del Ministero dell’Ambiente. La Sesa, si spiega nell’inchiesta giornalistica di Fanpage, è uno dei più grandi impianti di compostaggio d’Europa con un fatturato di 90 milioni per ricavi che superano gli 8 milioni. Produce 68 mila tonnellate di compost l’anno che viene sversato sui campi come fertilizzante.

> In Europa ogni anno si perdono 60 miliardi a causa della contraffazione

Sulla vicenda di Fanpage e dell’offerta per fermare il lavoro sui rifiuti è intervenuto anche il presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra. Il senatore M5S sul suo profilo Facebook ha scritto: “300mila euro per fermare un’inchiesta giornalistica, 300mila euro per impedire di scoperchiare la verità o almeno porre dei dubbi sull’operato della Sesa di Este. Parliamo tanto di corruzione in procedure pubbliche, ma poco di corruzione nei confronti di giornalisti per bloccare inchieste scomode”.

“Non solo hanno realizzato un reportage necessario – ha continuato Morra – , ma dimostrato e documentato la loro integrità morale. Certo che 300mila euro ad un giornale fanno comodo, ma Fanpage ha dimostrato che fa molto più comodo avere dignità e integrità per i propri lettori”, conclude Morra. Este è un piccolo centro vicino Padova.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio