Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Giorgia, morta suicida sotto il treno a 15 anni ad Agropoli: il fidanzato si era ucciso tre mesi fa

Immagine di copertina

In un post su Instagram aveva scritto: "Gli addii non sono per sempre"

Giorgia, morta suicida sotto il treno a 15 anni ad Agropoli: il fidanzato si era ucciso tre mesi fa

Giorgia se n’è andata togliendosi la vita a 15 anni. Ieri si è lasciata cadere sui binari poco prima delle 16 nella stazione di Agropoli, in provincia di Salerno, al momento del transito dell’intercity Salerno-Paola. Tre mesi fa il suo fidanzato era morto suicida, come hanno raccontato oggi Il Mattino e Il Messaggero.

Era il 20 luglio quando Antonio Lorenzo D’Amico, studente universitario di 22 anni, si era sparato un colpo di pistola nel poligono di Eboli, dove spesso si esercitava nel tiro a segno. La sua morte suicida aveva segnato profondamente la vita di Giorgia.

La giovane, che viveva a Pollica, sembrava condurre una vita normale. Continuava a frequentare il liceo scientifico in un paese vicino, a Vallo della Lucania, e i suoi soliti amici, ma i post che scriveva sui social erano rivolti all’amore perduto.

“Certo che mi rivedrai, gli addii non sono per sempre”, aveva scritto la ragazza sul suo profilo Instagram nei giorni prima di compiere il suo gesto disperato.

Giorgia ieri doveva recarsi a scuola, invece all’insaputa di tutti aveva scelto di entrare nella stazione di Agropoli, dove era stata vista girovagare per la stazione da alcuni passeggeri, che però non avevano intuito il proposito suicida della giovane.

La polizia ora sta tentando di ricostruire le sue ultime ore di vita per capire cosa sia accaduto e cosa abbia fatto la quindicenne prima di suicidarsi.

Antonio Lorenzo, pochi mesi prima, aveva compiuto il suo gesto suicida, che secondo gli inquirenti è stato senza dubbio premeditato, come testimoniano due lettere scritte dal giovane e indirizzate alla mamma e al fratello.

Aveva noleggiato ed esploso tre colpi, solo uno al bersaglio. Poi si è puntato la pistola alla bocca e si è ucciso, schiacciato dalle crisi depressive che viveva negli ultimi tempi e che non è riuscito a superare.

Omicidio Luca Sacchi, i killer non erano soli. Il racconto della fidanzata Anastasiya non convince gli investigatori

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Accuse di stupro a Ciro Grillo, l’amico della presunta vittima: “Dopo quella notte lei era un’altra”
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 7 maggio 2021
Cronaca / Come cambia il colore delle regioni: Italia verso azzeramento zone rosse
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Accuse di stupro a Ciro Grillo, l’amico della presunta vittima: “Dopo quella notte lei era un’altra”
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 7 maggio 2021
Cronaca / Come cambia il colore delle regioni: Italia verso azzeramento zone rosse
Cronaca / Roma, muore in un incidente stradale il testimone chiave nel processo per l'omicidio Sacchi
Cronaca / Rt Italia in lieve aumento a 0,89
Cronaca / Spari contro pescherecci italiani: un ferito
Cronaca / Oggi 11.807 casi e 258 morti: tasso di positività al 3,6%
Cronaca / Domani la decisione sul cambio di colore delle Regioni
Cronaca / "Ma vaff***ulo si vergogni": Bassetti sbotta contro la Boralevi in diretta tv
Cronaca / Il ministro Bianchi: "A settembre tutti a scuola in presenza"