Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Dopo l’inchiesta di TPI i giudici danno ragione alla prima dottoressa non vedente: potrà proseguire gli studi

Immagine di copertina
Gaia Padovani il giorno della laurea in Medicina

Gaia Padovani, 34 anni, aveva sostenuto la prova di ammissione per specializzarsi in Psichiatria nel 2019, ma non le furono forniti i necessari supporti previsti per gli studenti disabili

Gaia Padovani, la prima studentessa completamente non vedente laureata in Medicina e ammessa alla Scuola di specializzazione in Italia, non dovrà ripetere la prova di ammissione e potrà quindi proseguire per il momento il percorso di studi in Psichiatria avviato due anni fa. A deciderlo è stato il Consiglio di Stato, che oggi ha sciolto la riserva sul caso, sospendendo la sentenza del T.A.R. del Lazio che aveva ordinato la ripetizione della prova, prevista dal Ministero dell’Università e della Ricerca per il giorno 4 novembre, con un preavviso minimo di circa 20 giorni.

Gaia Padovani, 34 anni, aveva sostenuto la prova di ammissione per specializzarsi in Psichiatria nel 2019, ma non le furono forniti i necessari supporti previsti per gli studenti disabili. “Il Consiglio di Stato, con ordinanza motivata”, ha detto l’avv. Michele Bonetti dello Studio Legale Bonetti&Deli “oltre a sospendere la sentenza del TAR Lazio ha sottolineato il rischio di dover interrompere il proficuo percorso di studi della dott.ssa Padovani, auspicando una rivalutazione complessiva della posizione dell’interessata”.

L’avvocato Bonetti aggiunge: “Auspichiamo che il giudizio non prosegua nella naturale fase di merito calendarizzata già per l’anno 2022 e che le Istituzioni si facciano carico di questa situazione, così come auspicato dalla Giustizia Amministrativa di ultimo grado, sanando la posizione della ricorrente”.

“È stato affermato il diritto allo studio e il diritto al lavoro, costituzionalmente garantiti”, prosegue il legale “e non possiamo non sottolineare l’abnormità di questo imbuto formativo a numero chiuso per i giovani medici, che risulta ancor più ingiusto in piena pandemia, ove vengono lasciati posti disponibili (come dedotto dal Consiglio di Stato) anche con grave danno all’erario dello Stato”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate