Me

Lo stalker la ritrova dopo 5 anni per colpa di una mail dell’Enel

Lei lo aveva denunciato più volte, fino a scegliere di lasciare la città e trasferirsi altrove

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 12 Set. 2019 alle 17:22 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 17:30
Immagine di copertina

Una donna è stata ritrovata dal suo stalker per colpa dell’Enel

Pensava di essersi liberata una volta per tutte di lui e invece, dopo cinque anni, a causa di una mail dell’Enel, il suo stalker è riuscito a rintracciarla e così l’incubo è tornato. Dalla Puglia la donna si era trasferita a Torino. Aveva cambiato numero di cellulare più e più volte, era sparita dai social. Aveva fatto di tutto per far perdere le sue tracce, nascondendosi da lui.

Poi, però, un’email ha cancellato ogni sforzo. La donna, convinta di poter cominciare finalmente una nuova vita, ha deciso di comunicare al gestore di luce e gas – Enel, appunto – il suo nuovo indirizzo di casa. Così ha chiesto all’Enel di cancellare i vecchi dati per inserire quelli nuovi.

Ed è così che la nuova vita della donna è tornata, in un attimo, quella vecchia che sperava di essersi lasciata alle spalle. A parlarne è il Corriere della Sera, che racconta la vicenda assurda della donna e ripercorre tutte le tappe di una vita vissuta nel terrore di lui.

L’uomo in questione era l’ex della donna. I due avevano convissuto per qualche tempo a Bari, poi, nel 2015, la loro storia era finita, ma lui non si era dato per vinto e aveva continuato a cercarla. Agli appostamenti sotto casa erano seguite le minacce. Lei l’aveva denunciato più di una volta e il questore di Bari aveva emesso un provvedimento nei confronti dell’uomo, ma lui non si era fatto toccare dalla cosa e aveva continuato a farsi sentire e a importunarla.

A quel punto lei aveva deciso di tagliare tutti i ponti con la vecchia vita e di allontanarsi dalla sua città. A Torino la donna aveva cominciato una nuova vita: un nuovo lavoro e un nuovo compagno avevano segnato la fine dell’incubo e l’inizio di un’esistenza in cui non c’era spazio per le ombre del passato.

Per questo, certa di aver messo un punto alla sua vecchia vita, la donna ha contattato l’Enel per cambiare indirizzo e chiede che i vecchi dati siano cancellati. Poi, però, il giorno dopo la donna riceve una telefonata: un numero anonimo la chiama una, due volte. Lei capisce subito che è lui. L’incubo è tornato e si ripete anche il giorno dopo.

Un messaggio su WhatsApp la spavenata: “Ciao, sono l’amante del tuo fidanzato”. Poi un altro messaggio: “Eni luce e gas comunica che l’appuntamento per la nuova fornitura di terrà il giorno x”. Lei lo sa che il suo ex le sta tendendo una trappola e così si rivolge direttamente all’Enel. Un operatore l’aiuta a capire che lo stalker ha ricevuto per errore una comunicazione da parte loro contenente i nuovi dati. Indirizzo di casa e numero di cellulare ora sono nelle sue mani.

“Ho mandato subito una mail chiedendo la rimozione immediata dei miei dati e dichiarando ad Enel che è responsabile di un errore gravissimo”, ha detto la donna al Corriere. A quel punto la donna ha deciso di intraprendere le vie legali: ha presentato una denuncia e ha raccontato tutto in questura.

L’Enel intanto ha espresso solidarietà alla donna, ma ormai la sua serenità è andata in frantumi. Per ora.

Nonostante la legge sul codice rosso, le donne continuano a morire

Femminicidi, in Italia una donna è uccisa ogni 72 ore: “La coppia è l’ambito più a rischio”