Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Attaccata alle Tre Cime di Lavaredo coppia spagnola rifiuta ogni tipo di aiuto, poi il lieto fine

Immagine di copertina

L'incredibile vicenda che ha tenuto con il fiato sospeso gli uomini del Soccorso alpino

Attaccata alle Tre Cime di Lavaredo coppia spagnola rifiuta ogni aiuto

Una coppia spagnola è attaccata alla Tre Cime di Lavaredo da tre giorni: i due hanno rifiutato ogni tipo di aiuto per tre giorni fino alla conclusione della vicenda, che li ha visti salire su un elicottero del soccorso alpino.

La vicenda, che ha dell’incredibile, è stata raccontata sul profilo Facebook del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Secondo quanto ricostruito, due cittadini di Barcellona, 45 anni lui, 36 lei, da sabato 31 agosto erano bloccati su un parete delle Tre Cime di Lavaredo, le cime più famose delle Dolomiti.

A dare l’allarme erano stati i genitori dell’uomo, che attendevano l’uomo presso il rifugio Auronzo. Quando non lo hanno visto arrivare, si sono preoccupati e si sono rivolti immediatamente alle autorità. Un elicottero del Soccorso Alpino, così, si è immediatamente alzato per andare alla ricerca dei due scalatori.

Quando sono stati individuati, a metà della Via Cassin, i due hanno rifiutato il soccorso.

La stessa scena si è ripetuta il giorno seguente, domenica 1 settembre. I due, infatti, erano convinti di essere vicino alla cima e volevano continuare la scalata senza nessun tipo di aiuto esterno.

Oggi, lunedì 2 settembre, al terzo tentativo i due spagnoli hanno accettato l’aiuto dei soccorritori.

L’intervento di recupero è avvenuto a 2750 metri di quota: grazie a una difficile manovra di avvicinamento, un elicottero è riuscito ad avvicinarsi alla parete, favorendo l’imbarco dei due scalatori.

I due alpinisti stanno bene e sono stati trasportati al rifugio Auronzo dove hanno potuto riabbracciare i loro cari. I due hanno ribadito ai soccorritori di essere convinti di poter arrivare autonomamente in cima. In realtà, per terminare la scalata mancavano ancora una ottantina di metri, anche piuttosto impegnativi.

I Suoni delle Dolomiti 2019, tornano i concerti in alta quota tra le montagne del Trentino

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 5.117 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 1,7%
Cronaca / Covid, Bassetti: “La pandemia potrebbe finire entro la prossima primavera”
Cronaca / Gimbe: "In ospedale quasi esclusivamente non vaccinati"
Cronaca / Cecilia Strada denuncerà chi ha diffuso fake news sul padre: "Con i vostri soldi finanzierò i soccorsi in mare"
Cronaca / Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: oggi il decreto in Cdm
Cronaca / Russia, Putin in isolamento: "Positive decine di persone nel mio entourage"
Cronaca / Paracetamolo, plasma iperimmune, anticorpi monoclonali: le risposte ai dubbi sulle terapie anti-Covid
Cronaca / Vicenza, 21enne uccisa a colpi di pistola: assassino in fuga
Cronaca / Covid, oggi 4.830 casi e 73 morti
Cronaca / Tre casi di suicidio nel primo giorno di scuola: due 15enni morti e una 12enne in fin di vita