Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Abusi su una minorenne, arrestato prete pedofilo nel Casertano

La vicenda è emersa grazie alla giovane vittima che ha registrato l'audio degli incontri tenuti con il sacerdote nella canonica della parrocchia

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 8 Nov. 2019 alle 15:37
259
Immagine di copertina

Abusi su una minorenne, arrestato prete pedofilo nel Casertano

Un prete pedofilo è stato arrestato nel Casertano con l’accusa di abusi sessuali nei confronti di una minorenne.

Don Michele Mottola, questo il nome del sacerdote, è stato fermato nella mattinata di venerdì 8 novembre dalla polizia su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord.

Sesso e droga con i ragazzi della parrocchia: arrestato sacerdote di Piacenza

Il religioso, che era stato sospeso dal servizio lo scorso maggio, era stato denunciato proprio dalla Diocesi di Aversa, che aveva inviato alla Procura una segnalazione sui presenti abusi commessi dal prete.

Secondo quanto ricostruito, la vicenda è emersa proprio grazie alla minorenne che ha iniziato a registrare gli incontri tenuti con il sacerdote nella canonica della parrocchia, raccogliendo elementi rilevanti che hanno permesso di condurre l’uomo agli arresti.

L’ex parroco di Trentola Ducenta, nel Casertano, è tuttora sotto processo canonico.

In uno degli audio che sono stati rivelati dagli inquirenti si sente la bambina di 12 anni che intima il prete di non toccarla più. Il sacerdote, dal canto suo, risponde che “è solo un gioco, non facciamo niente di male”.

Gli audio sono stati consegnati nel maggio scorso dai genitori della piccola ai poliziotti del commissariato di Aversa e fatte ascoltare alla diocesi, che, come detto, ha subito sospeso il parroco dal servizio informando la Procura.

Don Michele Mottola si è sempre difeso affermando che la bambina si era inventata tutto, mentre i genitori si erano rivolti anche alla trasmissione televisiva Le Iene per far emergere la vicenda.

Francia, prete ucciso con un crocifisso in gola: era accusato di abusi

259
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.