Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Ancona, aggressione shock a una parcheggiatrice: “Mi ha spogliata davanti a tutti e presa a calci e sputi”

Immagine di copertina

Ancona, aggressione shock a una parcheggiatrice: “Mi ha spogliata davanti a tutti e presa a calci e sputi”

“Diceva: ‘tu non sai chi sono io, io sono di Ostia’”. Minacciata e poi aggredita con calci e sputi: è quanto avvenuto a una parcheggiatrice dell’anconetano, che si è anche vista strappare i vestiti dal conducente di un Suv, ripreso mentre andava contromano. Il tutto è avvenuto lo scorso 2 giugno, quando gli addetti del parcheggio Lago Grande, vicino alla spiaggia di Portonovo, hanno tentato di fermare un suv, che aveva imboccato a forte velocità, e nella direzione sbagliata, un tratto di strada che collega il posteggio all’uscita. L’auto ha invece accelerato, rischiando di investire uno dei parcheggiatori. Una volta fermato il conducente, accompagnato dalla moglie e da un’altra donna, si è giustificato sostenendo di essere sempre uscito dal parcheggio in quel modo, dando poi la colpa alla vettura, che avrebbe fatto tutto da sola.

“Quando ha detto così sono intervenuta dicendogli che sarebbe stato meglio che non si mettesse alla guida dato che non era in grado di farlo”, ha raccontato la parcheggiatrice Cristina Bartoli, su cui è subito scagliato il conducente. “Mi ha dato un calcio che ho schivato, quindi mi ha afferrato la mano e strappato il braccialetto mentre continuava a darmi della prostituta, infine mi ha strappato la maglietta e il reggiseno facendomi rimanere nuda. Diceva: ‘tu non sai chi sono io, io sono di Ostia’”, ha detto Bartoli, che nella sua testimonianza a Il Corriere della Sera ha ricordato di aver tentato di fermare l’aggressore dicendogli di essere invalida. “La cosa che mi fa male è che più volte ho gridato a quella persona che sono invalida, ma non mi ascoltava. Ho subìto due interventi per un tumore al seno e mi sono sentita doppiamente umiliata quando mi ha strappato la maglietta la-sciandomi con le cicatrici a vista”.

Sul caso stanno indagando i carabinieri, che stanno cercando di identificare l’uomo tramite le telecamere di sorveglianza della zona.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Meteo, quando arriva la tregua al caldo? Martedì i primi temporali: ecco dove
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Meteo, quando arriva la tregua al caldo? Martedì i primi temporali: ecco dove
Cronaca / La Cei appoggia lo Ius scholae: “Basta con le ideologie, è una riforma che serve all’Italia”
Cronaca / Morto Aldo Balocco, l’inventore del panettone mandorlato
Cronaca / Aborto, lo tsunami pro-life può travolgere anche l’Italia
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe