Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Una petroliera ha preso fuoco nel Mar Cinese meridionale, si teme l’esplosione

L'incendio si è sviluppato in seguito allo scontro con un mercantile. La nave cisterna trasportava petrolio condensato, ancora più dannoso per l'ambiente del petrolio greggio.

Di Laura Melissari
Pubblicato il 8 Gen. 2018 alle 09:57 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:58
0
Immagine di copertina
Credit: Xinhua/Dhf/Afp

Una nave-cisterna si è incendiata dopo essersi scontrata con una nave mercantile nel Mar Cinese orientale. La nave perde petrolio da due giorni.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Funzionari cinesi hanno dichiarato ai media statali che l’imbarcazione è in pericolo di esplodere e affondare.

I soccorritori che tentano di raggiungere il sito sono stati respinti da nubi tossiche.

L’equipaggio, formato da 30 iraniani e due bengalesi, è ancora disperso, nonostante gli sforzi del soccorso internazionale.

La nave Sanchi, battente bandiera panamense, stava trasportando il suo carico di petrolio dall’Iran alla Corea del Sud quando si è scontrato con il mercantile CF Crystal di Hong Kong, che trasportava grano proveniente dagli Stati Uniti.

L’incidente è avvenuto nel Mar Cinese orientale, a circa 260 km a largo della costa di Shanghai.

La causa esatta della collisione non è ancora nota.

La nave Sanchi, gestita dal principale operatore petrolifero iraniano, ha a bordo 136.000 tonnellate di condensato, petrolio greggio ultra leggero.

Il Sanchi trasporta inoltre carburante pesante e tossico.

Il condensato è molto diverso dal greggio nero. Si trova sottoforma di gas all’interno di serbatoi di petrolio ad alta pressione.

È altamente tossico, a bassa densità e notevolmente più esplosivo rispetto al normale petrolio greggio.

Per l’ambiente è potenzialmente più dannoso del greggio pesante, ed è più probabile che si disperda o si mischi con l’acqua. È inoltre più difficile da contenere e da rilevare poiché non ha odore.

La Cina ha inviato diverse navi per effettuare operazioni di ricerca e soccorso, mentre la Corea del Sud ha aiutato con una nave da guardia costiera e un elicottero. Anche la marina statunitense partecipa alle operazioni di salvataggio.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.