Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Ritrovata morta in stato di decomposizione una tartaruga con lo stomaco pieno di plastica

Immagine di copertina

Ritrovata morta una tartaruga con lo stomaco pieno di plastica

Sul litorale di Vasto, in provincia di Chieti, è stata ritrovata la carcassa di una tartaruga con lo stomaco pieno di plastica, che probabilmente ha causato la sua morte. La tartaruga morta è stata rinvenuta sulla spiaggia abruzzese in stato di decomposizione. All’interno del suo stomaco, sono stati ritrovate buste di plastica e cannucce.

La notizia ha fatto il giro del web e impressionato molti. A mobilitarsi anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che su Facebook, ha commentato il fatto: “È stata trovata morta, già in stato di decomposizione, l’ennesima tartaruga caretta-caretta a Vasto, nelle spiagge abruzzesi. Il suo corpo era pieno di plastica: pezzi di buste della spesa, pezzi di cannucce e altre micro e macro plastiche.Questa tartaruga è tra le più comuni del Mediterraneo eppure la sua specie è in pericolo”.

“Continuo ad invitare tutti ad usare la plastica usa e getta quando è veramente necessario e comunque di smaltirla correttamente. Lasciare la lattina, al fianco del lettino con la cannuccia dentro, provoca questo. Ogni nostra azione ha delle conseguenze. Io ci sto attento, sempre. Fatelo tutti. Grazie”, ha scritto il ministro Costa.

La specie in questione è quella di Caretta Caretta, una delle più note dei nostri mari. Negli ultimi periodi si è registrato un aumento degli spiaggiamenti di esemplari. Anche l’Ente nazionale protezione animali (Enpa) denuncia il fatto e chiede che si rispetti l’ambiente.

Il Centro Ricerche Tartarughe Marine dell’Anton Dohrn accoglie esemplari feriti ritrovati in tutto il sud Italia, che poi vengono riportati in mare una volta guariti. Sempre più spesso gli animali ritrovati debilitati o in fin di vita risultano essere vittime dell’inquinamento, come l’esemplare di Caretta caretta che a ottobre è stata rilasciata nel mare di Ischia dopo che già era stata già aiutata nel 2018 in Sardegna (dove era stata trovata con plastica nello stomaco) e a Ischia, a Forio, dove era finita in un retino senza riuscire a liberarsi.

L’episodio di Vasta è l’ennesimo e fa riflettere molto sullo stato dei nostri mari.

Capodoglio trovato morto sulla spiaggia di Lascari (Sicilia): aveva chili di plastica nello stomaco

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Ambiente, la lettera aperta delle associazioni ai Paesi del G20
Ambiente / Cina: 25 morti e 100mila sfollati in Henan per le piogge più intense degli ultimi 1.000 anni
Ambiente / Nessuno è al sicuro dalla crisi climatica: le alluvioni in Germania sono solo un assaggio di cosa ci aspetta
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Ambiente, la lettera aperta delle associazioni ai Paesi del G20
Ambiente / Cina: 25 morti e 100mila sfollati in Henan per le piogge più intense degli ultimi 1.000 anni
Ambiente / Nessuno è al sicuro dalla crisi climatica: le alluvioni in Germania sono solo un assaggio di cosa ci aspetta
Ambiente / Ora la foresta Amazzonica emette più CO2 di quanta ne assorbe
Ambiente / Allarme inquinamento a Istanbul: il mar di Marmara è invaso dalla mucillagine
Ambiente / La ripartenza in rosa ed eco-sostenibile delle sorelle Roncato: “Torniamo a viaggiare rispettando l’ambiente”
Ambiente / La Sicilia devastata dagli incendi dolosi nel silenzio generale: così la transizione ecologica è a rischio
Ambiente / Entra in vigore la direttiva Ue contro la plastica: dai piatti alle cannucce, ecco i prodotti vietati
Ambiente / Ambiente, Assorimap a Draghi: “Urgente cronoprogramma per valorizzare i 2,5 miliardi destinati dal Pnr all’economia circolare”
Ambiente / Amianto, Solvay dovrà risarcire 558mila euro al figlio di un operaio morto per carcinoma