Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Cane sperduto in mezzo al mare a 200 km dalla costa: il miracoloso salvataggio che ha commosso i social

Immagine di copertina
Il cane salvato dagli operai di una piattaforma petrolifera al largo delle coste tailandesi. Credit: CNN

Gli operai che si trovavano sulla piattaforma petrolifera al largo delle coste di Bangkok (Thailandia) venerdì scorso, si sono trovati davanti agli occhi una scena decisamente inusuale. Completamente solo, un cane marrone nuotava faticosamente fra le onde, a 220 chilometri dalla costa. Come fosse arrivato lì, resta un mistero.

Uno degli operai che si trovava sulla piattaforma petrolifera, Vitisak Payalaw, ha raccontato a CNN la dinamica del salvataggio. Tutti gli uomini a bordo si sono mobilitati per aiutare l’animale in evidente difficoltà. “Abbiamo teso un palo verso di lui, perché ci si aggrappasse, ma le onde lo facevano scivolare di continuo. Temevo che se avesse lasciato la presa, sarebbe stato impossibile recuperarlo”.

I cani ci capiscono quando siamo tristi e se piangiamo ci consolano

Dopo vari tentativi, il gruppo di uomini è riuscito a recuperare il cane che, stremato, si è accasciato sull’imbarcazione. “I suoi occhi erano così tristi. Continuava semplicemente a guardare verso di noi, come per dirci ‘aiutatemi’. In quel momento, nessuno avrebbe potuto negare un aiuto a quell’animale”, ha continuato l’operaio.

salvataggio cane mare
Uno degli operai della piattaforma petrolifera dopo il salvataggio del cane al largo delle coste thailandesi

Payalaw ha poi raccontato che il cane non riusciva a smettere di tremare, probabilmente per lo sforzo dovuto alle ore passate in mare aperto. L’equipe di uomini gli ha così dato da bere, lo ha lavato e lo ha avvolto in una coperta. Il cane è poi stato ribattezzato “Boonrod”.

salvataggio cane mare
Boonrod esausto dopo il salvataggio

Ricondotto sulla terraferma verso le 10 di lunedì mattina (orario locale), Boonrod è stato affidato a una clinica per animali nella provincia tailandese di Songkla, al confine con la Malesia.

Nell’attesa che il cane riacquisti le forze, Payalaw ha lanciato un annuncio sulla sua pagina Facebook: “Se i proprietari di Boonrod non si faranno avanti, lo adotterò io.”

salvataggio cane mare
Boonrod con il gruppo di operai che lo ha portato in salvo

Cina, animalisti salvano centinaia di gatti dal macello

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Taranto, dal 2026 un dissalatore produrrà acqua per 385mila persone
Ambiente / L’allarme della Commissione europea sul clima: “Prepariamoci a un’estate estrema”
Ambiente / Come possiamo evitare le valanghe
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Taranto, dal 2026 un dissalatore produrrà acqua per 385mila persone
Ambiente / L’allarme della Commissione europea sul clima: “Prepariamoci a un’estate estrema”
Ambiente / Come possiamo evitare le valanghe
Ambiente / Daniela Pisasale con l’AD Dott. Santangelo: per la bonifica a Monte Calvario REM è pronta ad iniziare
Ambiente / Un Paese in guerra con le biciclette
Ambiente / Guarire la Terra è possibile, basta volerlo: la chiusura del buco dell’ozono ne è la prova
Ambiente / Sostenibilità e riciclo: Diotti Spa contribuisce a rendere green l’impatto ambientale derivante dalle biciclette dismesse
Ambiente / Emissioni in cucina: cambiare dieta può salvare l'ambiente
Ambiente / Meloni in retromarcia anche sull’idrogeno
Ambiente / Gespi Augusta: quando la sostenibilità ambientale è una delle mission aziendali