Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Nei fondali del lago di Iseo è stata trovata una montagna di rifiuti alta 40 metri

Rifiuti, carcasse d’auto e batterie nascoste sott'acqua

 

Rifiuti nel Lago d’Iseo: 40 metri di immondizia

Una montagna di rifiuti è stata ritrovata la scorsa settimana nei fondali del Lago d’Iseo. Un cumulo di macerie alto 40 metri e largo dieci.

Gli uomini del nucleo carabinieri subacquei di Genova hanno trovato nel Sebino resti di materiale proveniente dalla lavorazione della gomma: una discarica subacquea che è rimasta incastrata fra due speroni al largo di Tavernola.

Arpa e Carabinieri si occuperanno di analizzare il materiale per capire da dove provenga e impegneranno le proprie risorse per bonificare il territorio. Come riporta anche l’Eco di Bergamo, infatti, bisognerà stabilire se si tratti di elementi pericolosi per la salute o la sicurezza e se, quindi, sia necessario o meno eliminare il cumulo di rifiuti.

L’intervento delle forze dell’ordine fa parte di un progetto più ampio. Il comandante provinciale dei Carabinieri di Bergamo, Paolo Storoni, l’aveva annunciato in Prefettura. L’obiettivo è proprio verificare quali, e quanti, rifiuti inquinino il Lago d’Iseo.

Oltre alla montagna alta una quarantina di metri con resti industriali di lavorazione della gomma, i Carabinieri hanno individuato nella zona di Castro anche un cimitero delle auto, con carcasse che giacciono da tempo nel Sebino.

I risultati delle ispezioni saranno consegnati alla Procura di Bergamo, resta da capire cosa ne sarà poi dei rifiuti trovati.

> La svolta verde di Change.org, la direttrice a TPI: “Non è moda passeggera, ora c’è più consapevolezza sul clima”
> Una colata di cemento sta distruggendo l’ambiente: il consumo del suolo porta anche al riscaldamento globale
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre