Me
HomeAmbiente

Misteriose palline di ghiaccio ricoprono una spiaggia in Finlandia

Gli esperti dicono che il fenomeno è stato causato da un raro processo in cui piccoli pezzi di ghiaccio vengono fatti rotolare dal vento e dall'acqua

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 7 Nov. 2019 alle 19:26
Immagine di copertina
Credit: Risto Mattila

Le foto della spiaggia ricoperta da “uova di ghiaccio” in Finlandia diventano virali

Migliaia di palline di ghiaccio hanno ricoperto una spiaggia in Finlandia. È il risultato di un raro fenomeno meteorologico.

Il fotografo amatoriale Risto Mattila è stato tra i primi a immortalare le “uova di ghiaccio” sull’isola di Hailuoto, nel Golfo di Bothnia, tra Finlandia e Svezia.

Gli esperti dicono che il fenomeno è stato causato da un raro processo in cui piccoli pezzi di ghiaccio vengono fatti rotolare dal vento e dall’acqua.

Le immagini della spiaggia di Marjaniemi ricoperta da queste misteriose palline di ghiaccio sono diventate in pochissime ore virali sui social e hanno fatto il giro del mondo.

“Io e mia moglie ci siamo meravigliati per questo incredibile fenomeno naturale. Dal momento che avevo una fotocamera ho deciso di immortalare questo momento per le generazioni future”, ha raccontato il fotografo Mattila all’emittente nazionale Yle.

palline ghiaccio finlandia
Credit: Risto Mattila

“È stata una vista straordinaria. Non ho mai visto nulla del genere durante 25 anni che vivono nelle vicinanze”, ha detto Mattila.

“Dato che avevo una macchina fotografica con me, ho deciso di preservare questa vista insolita per i posteri”.

L’esperto della Bbc Weather George Goodfellow ha spiegato: “Il quadro generale è che si formano da pezzi di una calotta di ghiaccio più grande che poi vengono spinti dalle onde, rendendoli più arrotondati”.

“Possono crescere quando l’acqua del mare si congela sulle loro superfici e questo aiuta anche a renderli più lisci. Quindi il risultato è una palla di ghiaccio liscio che può quindi depositarsi su una spiaggia, o soffiato lì o lasciato lì quando la marea esce.”

“Siamo in piena emergenza clima”: l’allarme di 11mila ricercatori