Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Nella lotta contro la plastica e oli nei mari arriva la soluzione definitiva

Immagine di copertina

Ecco il progetto River Cleaning Plastic&Oil

La tragedia che sta avvenendo nei nostri mari non è più trascurabile. L’inquinamento grava sugli oceani di tutto il mondo, la fauna acquatica coesiste con quella plastica, arrivando ad ingerire, rimanere incastrata o morire a causa di essa, e la maggior parte dei rifiuti arriva direttamente dai fiumi (circa l’80%). River Cleaning agisce da qui, proprio dai fiumi, dove è più importante passare all’azione in questa battaglia. Il progetto, tutto italiano, è di Mold s.r.l. un’azienda vicentina che ha brevettato a livello internazionale River Cleaning, la soluzione definitiva per bloccare, direttamente nei fiumi, gli inquinanti e rifiuti plastici e oleosi galleggianti. Il modello River Cleaning consiste in una barriera intelligente costituita da una serie di boe galleggianti posizionate in diagonale sul corso del fiume; in questo modo, i dispositivi intercettano i rifiuti e li indirizzano verso l’argine in un punto di raccolta.

La soluzione, unica al mondo, è capace di lavorare senza impedire la navigabilità alle imbarcazioni di qualsiasi dimensione, ed è proprio questo che rende River Cleaning innovativo e imparagonabile rispetto a qualunque altro progetto. L’adattabilità a qualsiasi corso d’acqua, inoltre, permette l’installazione del sistema in quasi tutti i fiumi. Flora e fauna non vengono intaccati, il sistema non interferisce con l’ecosistema fiume ed è a impatto zero sull’ambiente, non richiede energia e lavora 24 ore su 24, necessitando di rara manutenzione. River Cleaning, inoltre, si fa portavoce di un problema riguardo l’adeguata legislazione nella gestione della raccolta dei rifiuti a livello nazionale. Purtroppo, la politica, non solo quella italiana, sta affrontando il tema della plastica in maniera ideologica e non risolutiva. C’è bisogno di un cambio di rotta a livello burocratico, per far in modo che i rifiuti vengano intercettati, smaltiti e riciclati a carico della comunità all’interno di ciascun Paese, prima che arrivino in mare, dove il problema diventa di nessuno.

Vanni Covolo, CEO dell’azienda, sottolinea: “Il progetto ha delle potenzialità enormi e quello che siamo riusciti a dimostrare fino ad ora, con le prove che abbiamo fatto direttamente in acqua, risponde esattamente alle urgenti esigenze del nostro ambiente. Abbiamo però bisogno di sostegno per riuscire a crescere ulteriormente, diventare un sistema di tecnologie chiave nell’economia blu e arrivare a ripulire i fiumi di tutto il mondo.”

L’azienda ha bisogno di qualcuno che creda nel progetto, che partecipi e che aiuti River Cleaning a raggiungere i fiumi di tutto il mondo. “Ci rivolgiamo a multinazionali in grado di installare impianti o a compagnie internazionali che possano contribuire alle prime installazioni e che possano risolvere la situazione drastica dei nostri mari, per il bene comune” afferma Covolo.

L’obiettivo di River Cleaning è di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della plastica, ora più che mai c’è bisogno di una presa di coscienza sul tema per poter cambiare le cose definitivamente. Il sogno del team di River Cleaning, ma soprattutto del suo portavoce Vanni Covolo, può essere realizzato.

Basta crederci.

Diverse le citazioni a livello nazionale e internazionale, Innovation News Network ha raccontato il progetto, ma anche Sky TV (A qualcuno piace green, sul canale LaEffe) ha parlato dell’iniziativa in una puntata dedicata. Il programma Geo su Rai 3 inoltre ha intervistato il nostro CEO dove ha spiegato la soluzione River Cleaning con video di presentazione, andato in onda il giorno 22 gennaio 2021. Vanity Fair, nel numero due/tre di gennaio 2021, ha dedicato un articolo a River Cleaning proprio per sottolineare l’importanza di una azione comune che si rende necessaria per riuscire a contrastare la piaga dell’inquinamento da plastica.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Ambiente / Incendi in Sardegna: centinaia di persone in fuga nell'Oristanese
Ambiente / Clima, il G20 di Napoli è un mezzo flop: Cina, India e Russia vogliono ancora il carbone
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Ambiente / Incendi in Sardegna: centinaia di persone in fuga nell'Oristanese
Ambiente / Clima, il G20 di Napoli è un mezzo flop: Cina, India e Russia vogliono ancora il carbone
Ambiente / Ambiente, la lettera aperta delle associazioni ai Paesi del G20
Ambiente / Cina: 25 morti e 100mila sfollati in Henan per le piogge più intense degli ultimi 1.000 anni
Ambiente / Nessuno è al sicuro dalla crisi climatica: le alluvioni in Germania sono solo un assaggio di cosa ci aspetta
Ambiente / Ora la foresta Amazzonica emette più CO2 di quanta ne assorbe
Ambiente / Allarme inquinamento a Istanbul: il mar di Marmara è invaso dalla mucillagine
Ambiente / La ripartenza in rosa ed eco-sostenibile delle sorelle Roncato: “Torniamo a viaggiare rispettando l’ambiente”
Ambiente / La Sicilia devastata dagli incendi dolosi nel silenzio generale: così la transizione ecologica è a rischio