Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Help the Ocean, l’installazione ai Fori imperiali di Maria Cristina Finucci

Immagine di copertina

Dal 9 giugno al 29 luglio nella magnifica cornice del Parco Archeologico del Colosseo ai Fori Imperiali a Roma, sarà visibile l’installazione luminosa HELP the Ocean dell’artista Maria Cristina Finucci, un grido d’allarme sullo stato del nostro pianeta.

L’opera fa parte del ciclo, iniziato dall’artista nel 2013, con la fondazione di un nuovo Stato Federale, il Garbage Patch State, il secondo Stato più vasto al mondo con i suoi 16 milioni di kmq, che comprende le cinque principali “isole” di plastica presenti negli oceani.

HELP, formata da un insieme di gabbioni di rete metallica, messi a disposizione dal Gruppo Maccaferri, rivestiti da un ricamo di sei milioni di tappini di plastica colorati, vuole simulare un ritrovamento archeologico che potrebbe essere un giorno emblematico della nostra era, ribattezzata quindi come “l’età della plastica”.

Solo da una visione dall’alto però si potrà notare che questa peculiare costruzione forma le quattro lettere della parola HELP, la richiesta di aiuto di un’intera epoca storica, la nostra, finalmente conscia del proprio avviato processo di autodistruzione.

Di notte la gigantesca scritta – si illumina – grazie ad ENEL X – ed è visibile anche da via dei Fori Imperiali. “HELP è un grido d’allarme – afferma l’artista Maria Cristina Finucci – che non si limita alla pur importante questione ambientale, ma pone al centro l’individuo e l’intera vita sul pianeta, in cui l’ambiente è legato indissolubilmente alle risorse naturali, alla salute, all’alimentazione, alla povertà, alle disuguaglianze, ai diritti umani, alla pace”.

“Siamo orgogliosi di sostenere questo progetto di altissimo valore culturale e scientifico” – afferma Diana Bracco, Presidente di Fondazione Bracco – “Un’installazione straordinaria che sensibilizza il grande pubblico in modo emozionante sul tema drammatico dell’inquinamento causato dai rifiuti plastici dispersi negli oceani.

Un tema, quello della promozione della sensibilità e del rispetto verso l’ambiente, di primaria importanza e caro a Fondazione Bracco. Un tema a cui vogliamo dare voce nella convinzione che l’arte possa essere uno strumento di lettura privilegiato per comprendere e approfondire al meglio la realtà globale e i suoi molteplici aspetti”. Il progetto è sostenuto da Fondazione Bracco.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre