Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Le cozze rischiano l’estinzione per colpa dei cambiamenti climatici

Le spiagge della Nuova Zelanda sono diventate un cimitero di molluschi. E questo triste evento riguarda tutti noi

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 18 Feb. 2020 alle 15:25 Aggiornato il 18 Feb. 2020 alle 15:39
3.2k
Immagine di copertina
Immagine di repertorio

Le cozze rischiano l’estinzione

Centinaia di migliaia di cozze sono morte, cotte al sole con temperature troppo alte, sulle spiaggia nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda. Secondo gli esperti è questo il destino che spetta a tantissimi altri molluschi e la colpa è dei cambiamenti climatici. 

Record di caldo e odore di morte

Lo smantellamento di massa nel Northland è stato innescato da “un eccezionale periodo di clima caldo” combinato con la bassa marea a metà giornata, che aveva esposto i crostacei, ha affermato il dott. Andrew Jeffs, uno scienziato marino dell’Università di Auckland.

Esposto in un momento della giornata in cui il sole era più intenso, centinaia di letti di cozze erano stati “cotti” dal sole, ha spiegato l’esperto.

Gli scienziati hanno osservato che le cozze hanno sofferto in condizioni meteorologiche variabili per un decennio, ma le condizioni stavano diventando sempre più intense e devastanti per gli animali. “Penso che vedremo cambiare intere comunità di creature marine”, ha detto Jeffs.

“Queste zone di marea sono già un posto molto intenso in cui vivere e hanno un sole molto caldo durante l’estate, lo rende solo più intenso. Saranno solo le piante e gli animali più duri a sopravvivere lì”. Secondo i residenti locali, a Northland Brandon Ferguson l’odore delle cozze morte “era pungente e inquietante”.

La risposta della politica locale

Il Ministero dell’ambiente neozelandese che indagherà sull’estinzione di massa e ha esortato le persone a non raccogliere o mangiare le cozze colpite.

Jeffs ha affermato che le cozze erano ecologicamente molto importanti per l’ambiente costiero della Nuova Zelanda, ma era probabile che scomparissero dalle aree della barriera corallina, poiché le condizioni diventavano sempre più avverse, specialmente durante l’estate. “Si tratta di sistemi di barriera su larga scala che si seccano e muoiono – ha detto lo scienziato – Li perderemo semplicemente”.

Northland sta vivendo condizioni di siccità, con molte parti della regione che non vedono pioggia per un record di oltre 40 giorni. Gli effetti della siccità sono stati gravi, con uccelli Kiwi morti mentre cercavano l’acqua e autocisterne di acqua dolce trasportate con urgenza per riempire i serbatoi nelle comunità più remote.

E qualcuno dice ancora che i cambiamenti climatici non esistono.

Leggi anche:

Cambiamento climatico: il tempo per salvare il pianeta si è ridotto a 18 mesi

Cosa fare per fermare la crisi climatica: parlano i ricercatori italiani

3.2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.