Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Gli scienziati si interrogano sulla morte improvvisa dei baobab in Africa

Immagine di copertina
Un albero di baobab in Senegal. Credit: Lorenzo de Simone / Aurimages

I ricercatori che stanno studiando il fenomeno, provenienti da varie università del Sud Africa, della Romania e degli Stati Uniti, affermano che la morte degli alberi è "un evento di una portata senza precedenti"

Il baobab, l’albero simbolo della Savana africana, sta morendo e non si riesce a capire il motivo.

Scienziati ed esperti internazionali hanno scoperto che la gran parte dei baobab africani più antichi sono morti negli ultimi 12 mesi.

Pur senza averne assoluta certezza, si ritiene che la causa principale di questa moria possa essere legata ai cambiamenti climatici.

Gli alberi di baobab possono raggiungere dimensioni straordinarie e possono vivere anche per centinaia se non migliaia di anni.

I ricercatori che stanno studiando il fenomeno, provenienti da varie università del Sud Africa, della Romania e degli Stati Uniti, affermano che la morte degli alberi è “un evento di una portata senza precedenti”.

La scoperta è stata pubblicata sulla rivista specializzata Nature Plantsdove si nega che l’evento possa essere legato ad una epidemia.

“Sospettiamo che la scomparsa di baobab monumentali possa essere associata almeno in parte a significative modifiche delle condizioni climatiche che colpiscono in particolare l’Africa australe”, ha affermato il team, guidato dal dottor Adrian Patrut dell’Università Babes-Bolyai in Romania.

“Tuttavia, ulteriori ricerche sono necessarie per supportare o confutare questa supposizione”.

La squadra di ricercatori, che dal 2005 hanno visitato antichi baobab in tutta l’Africa meridionale, si sono serviti di dotazioni al carbonio radio per indagare la struttura e l’età degli alberi.

Durante la loro attività di monitoraggio, hanno scoperto con grande stupore e tristezza, che otto dei 13 baobab più vecchi e cinque dei sei più grandi erano morti completamente o che le loro parti più vecchie si erano staccate ed erano cadute.

Gli alberi di baobab hanno molti strati di steli e tronchi, spesso di epoche diverse.

In alcuni casi i tronchi sono morti tutti insieme improvvisamente.

“Sospettiamo che questo sia associato all’aumento della temperatura e della siccità”, ha detto il dottor Patrut alla Bbc. “È scioccante e molto triste vederli morire”.

Gli alberi che sono morti o che stanno morendo si trovano in Zimbabwe, Namibia, Sud Africa, Botswana e Zambia, e hanno tutti un’età che va da 1.000 a oltre 2.500 anni.

I baobab conservano grandi quantità di acqua all’interno dei loro tronchi per sopportare le dure condizioni delle aree aride in cui vivono.

Gli alberi sostengono anche la fauna selvatica essendo importanti siti di nidificazione per gli uccelli.

Leggi anche: Perché alle aziende conviene essere green: i sei consigli di Greenpeace – INFOGRAFICA

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ambiente / Al via la terza stagione di Cambiagesto, campagna contro l’inquinamento da mozziconi
Ambiente / Via al terzo anno di #Cambiagesto, la campagna contro la dispersione di mozziconi di sigaretta
Ambiente / La nave dei veleni è affondata: "Un disastro ambientale"
Ambiente / WWF: il 5 e 6 giugno tornano le giornate delle Oasi
Ambiente / Con Snam nasce l’Innovation Center italiano sull’idrogeno 
Ambiente / Snam, RINA e Gruppo GIVA: primo test al mondo con un mix di gas naturale e idrogeno al 30% nella lavorazione dell’acciaio
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta