Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 00:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

L’albero più alto del mondo continua a crescere. Ma gli scienziati non si spiegano il perché

Immagine di copertina
Credit: AFP/Setec/Rafal Aleixo/Ho

Ha spodestato il suo predecessore di quasi 30 metri, aggiudicandosi il titolo di "albero più alto del mondo"

L’albero più alto del mondo continua a crescere

Si trova in Amazzonia ed è alto 88 metri, ma non dà segno di fermarsi. È l’albero più alto del mondo, scoperto a seguito di un progetto di ricerca finanziato dall’Istituto Nazionale Brasiliano per la Ricerca Spaziale.

Ma l’alberto non è il solo a crescere così tanto. Il progetto, coordinato da professori brasiliani e britannici, ha analizzato 850 segmenti di foresta scelti a caso e ha scoperto 15 alberi giganti. I più alti si fermano a 70 metri, ma alcuni superano gli 80.

Gli esemplari appartengono tutti alla stessa specie – Angelim vermelho (Dinizia excelsa), comune in Amazzonia, che però si credeva non superasse i 60 metri di altezza.

“Non sappiamo come gli alberi siano cresciuti tanto. È probabile che abbiano sfruttato lo spazio intorno causato da una tempesta o dall’uomo per crescere ulteriormente” spiegano Tobias Jackson e Sami Rifai, coordinatori del progetto di ricerca.

La scoperta ha importanti conseguenze per l’intero ecosistema locale.

È L’area in cui si trovano gli esemplari, il Massiccio della Guiana nel nord-est dell’Amazzonia, racchiude infatti il 9% delle foreste tropicali mondiali.

Si pensava che ogni albero fosse in grado di trattenere tanto carbonio quanto un ettaro di foresta pluviale, ma i nuovi dati suggeriscono che la giungla limitrofa possa essere un pozzo di carbonio ancora più grande.

“Nel nostro caso, i dati suggeriscono che il nord-est dell’Amazzonia potrebbe contenere molto più carbonio di quanto pensassimo” dicono Jackson e Rifai. “Ciascun Angelim vermelho può trattenere circa 40 tonnellate di carbonio – la stessa quantità di 300-600 alberi più piccoli, ma occupando solo la superficie di 20”.

“E nonostante abbiamo studiato a fondo solo 15 alberi, questa era solo una piccola percentuale degli alberi segnalati dai nostri strumenti, e a sua volta una piccola porzione del Massiccio della Guiana. È probabile che ci siano altri alberi giganti là fuori – e potrebbero essere anche più alti di quelli che abbiamo trovato”.

Ultimamente, la foresta amazzonica ha fatto molto discutere, ma rimane ancora in grado di sorprenderci. Il solo fatto che continuiamo a fare scoperte di questo tipo – mentre altre parti della foresta vengono distrutte da incendi – dimostra che c’è ancora molto da imparare su questo meraviglioso ecosistema.

Chi è Tina Velo, la Greta Thunberg tedesca che vuole fermare il salone dell’auto di Francoforte
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ambiente / Guidare un tir in Svezia risparmiando CO2: la sfida dei trasporti pesanti per un futuro verde
Ambiente / In Asia i bambini saranno più bassi a causa del clima?
Ambiente / Le donne investono nel green più degli uomini
Ambiente / Tredici proposte per reinventare la sostenibilità
Ambiente / Alla Cop26 ha vinto l’India. Adesso lo dice pure Cingolani