Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:54
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Agrigento, esercitazioni militari nella riserva naturale di Punta Bianca: “Per colpa loro frane e proiettili in mare”. Ma l’esercito smentisce a TPI: “Noi non c’entriamo con i crolli e l’inquinamento”

Immagine di copertina

Da 61 anni la zona di Punta Bianca, in provincia di Agrigento, è teatro di esercitazioni militari. L'associazione ambientalista MareAmico chiede ai soldati di trovare un altro posto. Ma l'esercito non arretra: "Mai valutato un ricollocamento"

Agrigento, esercitazioni militari nella riserva di Punta Bianca: è polemica

61 anni di spari nella fragile zona di Drasy, ad Agrigento. La collina nei pressi della zona di Punta Bianca, per cui è stata presentata la richiesta di tutela come riserva naturale, perde i pezzi mentre continuano le esercitazioni dei militari italiani e anche di quelli americani che fanno base a Sigonella. A cadere, per ultima, è stata una stradina utilizzata dagli stessi militari per raggiungere il poligono naturale. La denuncia che afferma la correlazione tra gli spari e i crolli parte dall’associazione MareAmico, che negli anni ha seguito la vicenda chiedendo una soluzione, ovvero lo spostamento delle esercitazioni in un luogo adatto.

Dopo 61 anni di spari e vibrazioni, infatti, la zona è oggi distrutta e, oltre ai crolli, presenta diversi crateri causati dall’impatto delle esercitazioni sul fragile terreno. Tutto questo nonostante le continue denunce e nonostante la zona si trovi nei pressi di Punta Bianca, bene candidato a divenire riserva naturale in una pratica che però è bloccata da 25 anni a causa del vincolo posto dai militari che oggi occupano il territorio.

La correlazione è però smentita dall’esercito italiano a TPI: “Non c’è alcuna correlazione provata tra la presenza dell’esercito e i crolli”, affermano i militari. “Vogliamo sottolineare che per noi i poligoni naturali sono essenziali, quindi li preserviamo con bonifiche prima e dopo le esercitazioni. Inoltre, grazie alla nostra presenza noi operiamo un controllo geografico e idrogeografico, tenendo sempre d’occhio la friabilità e la fragilità della zona, cercando di preservarla”.

Nessuna conferma arriva, per questi motivi, sullo spostamento dei militari in altra zona, una ipotesi annunciata dall’assessore regionale Toto Cordaro che diceva di essere vicino a un accordo con l’Esercito per un altro luogo sempre in Sicilia.

“Non abbiamo mai valutato una dislocazione e un ricollocamento”, dice un rappresentante dei militari. “Noi teniamo ai nostri poligoni, senza cui non ci sarebbe l’addestramento”.

Termina così la ricerca della nuova zona annunciata nel 2014, quando il caso arrivò in sede parlamentare. Uno dei temi sollevati dall’associazione ambientalista era anche quello dell’inquinamento in mare dei tanti proiettili ed esplosivi che finiscono in acqua durante le esercitazioni con i carri armati. Un inquinamento che fa indignare anche i pochi residenti nelle vicinanze.

“Noi operiamo con grande cautela”, dicono dall’Esercito. “Nessuno senza prove ci può contestare l’inquinamento, anche in Puglia ci rimproveravano di questo ma poi si è scoperto che Torre Veneri è una delle spiagge più pulite”.

Leggi anche:

La valle radioattiva tra Agrigento e Caltanissetta, dove i tumori sono il 40% in più della media

Il traffico illegale di cani randagi: così i finti animalisti maltrattano i cuccioli e li vendono online

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ambiente / Al via la terza stagione di Cambiagesto, campagna contro l’inquinamento da mozziconi
Ambiente / Via al terzo anno di #Cambiagesto, la campagna contro la dispersione di mozziconi di sigaretta
Ambiente / La nave dei veleni è affondata: "Un disastro ambientale"
Ambiente / WWF: il 5 e 6 giugno tornano le giornate delle Oasi
Ambiente / Con Snam nasce l’Innovation Center italiano sull’idrogeno 
Ambiente / Snam, RINA e Gruppo GIVA: primo test al mondo con un mix di gas naturale e idrogeno al 30% nella lavorazione dell’acciaio
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta