Me

Maltempo, ristorante si stacca dagli ormeggi e galleggia sul Mincio. Un disperso

Immagine di copertina

Maltempo Garda | Lago di Garda | Oggi | Valeggio sul Mincio | Ristorante

MALTEMPO GARDA – Il maltempo continua a fare danni in Italia oggi 5 maggio 2019, in particolare nella zona lungo il Lago di Garda. A Peschiera del Garda un ristorante che si trova su un pontone galleggiante si è staccato dagli ormeggi, a causa del forte vento che ha colpito nella giornata di oggi la zona, andando a finire alla deriva lungo il Mincio. La “Barcaccia”, questo il nome del locale, spinta dalla corrente, è stata seguita sul lungolago dai vigili del fuoco, tra gli sguardi stupefatti dei residenti. Alla fine a fermare la sua corsa sono state alcune strutture per la pesca, il ristorante è stato così bloccato e messo in sicurezza dai pompieri.

Il maltempo oggi in Italia

Maltempo Garda | Valeggio sul Mincio

Intanto continuano le ricerche nel tratto del canale diversivo Mincio a Pozzolo, del pescatore di nazionalità romena disperso da questa mattina, 5 maggio 2019, finito in acqua con la propria auto su cui si trovava con altri quattro connazionali per ripararsi dal maltempo.

I vigili del fuoco stanno scandagliando il tratto iniziale del canale in cui la corrente è molto forte e l’acqua più alta. A frenare le operazioni la forte pioggia che imperversa da stamattina. Nel caso non ci fossero novità in giornata, domani riprenderanno le ricerche con l’elicottero e con i sommozzatori, sospese oggi a metà pomeriggio.

Si tratta di un giovane di 24 anni di nazionalità romena residente a Valeggio sul Mincio (Verona). Il ragazzo era parte di una comitiva di cinque amici, di cui tre fratelli, tutti connazionali e residenti nel centro del veronese, che si trovavano a pescare sulle rive del diversivo da ieri sera, proprio nel punto dove dal fiume Mincio si dirama il canale scolmatore che dopo alcuni chilometri tra le campagne attorno a Mantova finisce ancora nel Mincio.

Le condizioni meteo sono via via peggiorate nel corso della serata tanto che i cinque avevano deciso di ripararsi in macchina, parcheggiata sulla sponda erbosa del tratto iniziale del canale. Avevano, quindi, acceso il motore della vettura per azionare il riscaldamento e si sono addormentati. Questa mattina verso le 7 è scattato l’allarme. L’auto è lentamente scivolata lungo la sponda ed è finita nel canale, inabissandosi. Era in sosta in un tratto leggermente in pendenza e forse, inavvertitamente, il conducente non aveva inserito il freno a mano.

Tre di loro sono riusciti a nuotare sino a riva e a dare l’allarme. Le loro grida sono state sentite da altri pescatori che hanno salvato la quarta persona finita in acqua, mentre non sono riusciti a far nulla per la quinta, uscita dall’auto ma presto sparita tra i flutti, travolta dalla corrente.