Me

Flavio Insinna, il vulcanico conduttore de “L’Eredità”

Tutto quello che c'è da sapere sul conduttore romano, alla guida del quiz tv dopo la scomparsa di Fabrizio Frizzi

Immagine di copertina

L’esperienza di Flavio Insinna come conduttore del quiz di Rai 1 “L’eredità” inizia dopo l’improvvisa e triste scomparsa di Fabrizio Frizzi. Il passaggio del testimone avviene alla presenza di un altro ex della trasmissione, Carlo Conti, che apre la prima puntata della nuova edizione con breve discorso in onore del collega.

“In questo studio per tante volte ho fatto il pilota, il co-pilota e ho dato le chiavi a un nostro grande amico che ci ha fatto uno scherzetto, un terribile scherzetto”.

Le premesse, però, non sono delle migliori e l’esordio di Insinna alla guida del programma viene accolto da non poche critiche. Il neo conduttore, infatti, viene subito “accusato” da molti telespettatori e critici televisivi di non essere la persona ideale per succedere a Frizzi, soprattutto dopo lo “sfogo” di cui si era reso protagonista qualche mese prima nel corso di un fuorionda.

Flavio Insinna | Carriera

Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica presso il liceo Augusto di Roma, nel 1984 prova ad entrare nell’arma dei Carabinieri, ma il mancato superamento del test di ammissione, lo spinge a tentare la carriera di attore.

Come si legge sul suo sito web ufficiale, “la scintilla che lo fa appassionare al teatro gli viene dalla visione dello spettacolo “A me gli occhi” che viene portato in scena da colui il quale, da li a pochi anni, diventerà il suo maestro, ovvero Gigi Proietti”.

Il sogno è quello di entrare all’Accademia d’Arte drammatica di Roma, ma, anche in questo caso, il risultato è negativo. Nel momento di massimo sconforto, però, arriva un’imprevista “seconda opportunità”. A sua insaputa, infatti, la sorella Valentina lo iscrive alla scuola di recitazione di Alessandro Fersen e la carriera di attore comincia a diventare un’opportunità concreta e reale.

Terminati gli studi, Insinna frequenta anche il “Laboratorio di esercitazioni sceniche” diretto dal maestro Gigi Proietti, dove si diploma nel 1990.

Il successo come attore arriva con Don Matteo, dove Insinna compare nei panni del capitano dei Carabinieri Flavio Anceschi al fianco di Terence Hill e Nino Frassica, indossando quella divisa che, probabilemnte, da ragazzo aveva qualche volta immaginato di vestire.

Gli viene poi affidato il ruolo di protagonista in un’altra serie “crime”,  Ho Sposato uno Sbirro, in cui interpreta il Commissario di Polizia Diego Santamaria.

Nel settembre 2006 debutta invece come conduttore televisivo nel programma Affari tuoi di cui riesce a risollveare le sorti dopo un netto calo di ascolti. Grazie agli eccellenti risultati in termini di ascolti e di consensi, Insinna viene premiato con un Telegatto.

Nel settembre 2018, il conduttore viene scelto per sostituire Fabrizio Frizzi nel quiz L’eredità, il quiz preserale di Rai 1.

Flavio Insinna | Vita Privata

Discreto e riservato sulla sua vita sentimentale, alcuni rumors lo avvicinerebbero oggi all’ex concorrente di Affari Tuoi Adriana Riccio, dopo il mancato matrimonio con Graziamaria Dragani.

I due – da quanto si apprende – si sarebbero conosciuti proprio durante il gioco.

Flavio Insinna | Controversie

Flavio Insinna è stato al centro di un’intensa polemica mediatica per una sequela di parolacce rivolte, durante un fuorionda, ad alcuni concorrenti di Affari Tuoi, “considerati i responsabili del calo di audience o del mancato successo della trasmissione”, come scrive La Repubblica.

Flavio Insinna | Facebook e Instagram

Insinna è molto attivo soprattutto su Facebook, dove conta oltre 170 mila follower. Ha anche un profilo Instagram e un sito web ufficiale.

Flavio Insinna | Filantropia

Risaputo anche il suo impegno nel sociale, soprattutto al fianco della Comunità Sant’Egidio e Telethon. Oggi, partecipa attivamente a varie campagne di solidarietà, tra le quali quella di Save The Children Italia Onlus per i diritti dei bambini e collabora con l’associazione Luca Barbareschi per le malattie rare.

Ha inolre donato la sua barca di 14,80 metri, “Roxana”, a Medici Senza Frontiere motivando così il nobile gesto:

“In genere io dormo poco – ha detto -. E in una di queste lunghe notti, di fronte all’ennesimo servizio di qualche notiziario, mi sono detto che l’indignazione va bene, ma non ci si puo’ fermare qui”.

“È evidente che la mia barca non salverà il mondo  ha poi aggiunto, come riporta l’Ansa in un articolo del 5 febbraio 2016 – ma in qualche modo puo’ contribuire ad aprire un cerchio di speranza”.

Campagna regione lazio

Insinna è nato del 1965 e ha quindi 53 anni.

Flavio Insinna | Premi e riconoscimenti

L’eccezionale carriera in tv, sia come attore che come presentatore, gli è valsa nel tempo numerosi riconsocimenti e premi, tra cui:

2001 – Premio speciale di “Prima: Guida italiana degli attori” per il film “Guardami”;
2004 – “Telegrolla” e “Premio per l’Europa” per l’interpretazione della fiction tv Don Bosco, premio del “Festival del cinema e della fiction di Salerno” e “Premio internazionale Sant’Antonio” per l’interpretazione del Capitano Anceschi nella fiction Don Matteo
2006 – “Premio internazionale Flaiano”, “Premio di cultura ‘Città di Marinella’” e “Telegrolla” per la fiction La buona battaglia – Don Pietro Pappagallo; premio del cinema e teatro “Apoxiomeno filippese” per la fiction Don Matteo;
2007 – “Telegatto” come conduttore-rivelazione dell’anno per Affari Tuoi;
2007 – Premio Regia Televisiva: vincitore della categoria “il Personaggio Rivelazione”;
2008 – “Telegatto” come personaggio maschile dell’anno;
2008 – “Gran Premio della Fiction italiana 2007-2008”, Roma Fiction Fest: premio “miglior attore dell’anno” per la fiction Ho sposato uno sbirro;
2014 – Premio Regia Televisiva, categoria Top Ten per Affari tuoi
2014 – Premio Regia Televisiva, Oscar TV come miglior programma dell’anno per Affari tuoi
.

Il 23 dicembre 2015 Insinna viene inoltre nominato Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana per volere del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.