Me
Il governatore De Luca contro il suo partito: “Bande di nigeriani occupano militarmente i territori, lo sa il Pd?”
Condividi su:
De Luca migranti Pd
Il governatore Vincenzo De Luca

Il governatore De Luca contro il suo partito: “Bande di nigeriani occupano militarmente i territori, lo sa il Pd?”

Il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, si è scagliato contro il suo partito dal palco alla Festa dell'Unità, a Ravenna parlando dei migranti

11 Set. 2018
De Luca migranti Pd
Il governatore Vincenzo De Luca

“Solo delle bestie possono pensare di non accogliere. È evidente che abbiamo il dovere dell’accoglienza. Ma c’è un’altra faccia della realtà perché ci sono zone del paese nelle quali abbiamo bande di nigeriani che hanno occupato militarmente i territori, sul litorale domizio abbiamo bande di nigeriani che fanno spaccio di droga, spaccio di prostituzione”. De Luca migranti Pd

Così il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo intervento dal palco alla Festa dell’Unità, a Ravenna. De Luca migranti Pd

De Luca critica aspramente il suo partito accusandolo di essere sordo e indifferente a questa problematica. 

“Abbiamo atteggiamenti di violazione di leggi e di regole, intorno ai centri di accoglienza abbiamo extracomunitari che tornano ubriachi, abbiamo padri di famiglia che si devono mettere sul balcone ad aspettare le figlie la notte.

Questa parte di realtà il partito democratico la conosce? Perché quando parliamo di sicurezza, parliamo di gente che ha paura, hai voglia di dire le statistiche, se devo decidere della serenità di vita della mia famiglia o una bandiera di partito, io scelgo i miei figli”.  De Luca migranti Pd

Di seguito il video completo dell’intervento:

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus