Me
Ascolti tv domenica 15 luglio 2018 | Cinque milioni e mezzo per Balalaika | Auditel di ieri sera
Condividi su:
Ascolti tv domenica 15 luglio 2018
Ilary Blasi, conduttrice di Balalaika su Canale 5

Ascolti tv domenica 15 luglio 2018 | Cinque milioni e mezzo per Balalaika | Auditel di ieri sera

I dati di ascolto della giornata, canale per canale

16 Lug. 2018
Ascolti tv domenica 15 luglio 2018
Ilary Blasi, conduttrice di Balalaika su Canale 5

Ascolti tv domenica 15 luglio 2018 | Auditel ieri sera | Balalaika | Francia-Croazia | I bastardi di Pizzofalcone

Un altro grande successo per il calcio di Mediaset.

Canale 5 chiude in bellezza il Mondiale 2018: la finale tra Francia e Croazia – vinta dalla formazione di Deschamps 4-2, secondo titolo iridato per i Blues – ha collezionato quasi 12 milioni di telespettatori per uno share del 67%. Quindi quasi sette italiani su dieci ieri hanno seguito l’atto conclusivo della Coppa del Mondo, in onda dalle 17 circa.

Nel postpartita bene Balalaika, il programma di approfondimento calcisitico dell’ammiraglia Mediaset condotto da Nicola Savino e Ilary Blasi, ieri assente: cinque milioni e mezzo, 34% di share.

In prima serata prevale Rai1 con I bastardi di Pizzofalcone – 1.906.000 contatti, 12,2% di share – a seguire Canale 5 con la seconda parte di Balalaika – 1.808.000, 10,6% – e Rai2 con Chiamatemi Helen – 1.225.000, 7,2%. Quarta piazza per Tv8 con la replica della gara di MotoGp in Germania vinta da Marquez –  1.100.000 contatti, 6,3%.

Questi gli altri risultati del prime time di ieri: 5,7% per il film Sleepers su Rete 4, 5,5% di share per Rai 3 con Una notte con la regina, 5,3% per The Boss su Italia 1. Camionisti in trattoria su Nove batte Atlantide – Roma, Sacri segreti su La7: 490.000 e 3% contro 415.000 e 2,6%.

In seconda serata buon risultato per la replica della finale del Mondiale che sfiora il mezzo milione di contatti (5%), su Rai 1 lo speciale Tg1 sulle case popolari di Napoli segna il 6,8%.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus