Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Perché alle aziende conviene essere green: i sei consigli di Greenpeace – INFOGRAFICA

I 6 consigli di Greenpeace per le aziende che vogliono diventare green per risparmiare sui costi e godere di alcuni vantaggi

Immagine di copertina

L’impresa che investe nella green economy fa un favore al pianeta e ai propri bilanci. Mirando a un approccio ecosostenibile, infatti, diventa più competitiva sul mercato, si guadagna una maggiore fiducia dei consumatori e l’affetto dei dipendenti, e può beneficiare di detrazioni fiscali ad hoc.

I vantaggi economici dell’essere green sono evidenti e riconosciuti, ma l’Italia – fatta eccezione per alcune regioni del Nord, più virtuose in tema di eco-investimenti – risulta tra gli ultimi in graduatoria tra gli stati UE per risparmio energetico e promozione dell’energia rinnovabile. Luca Iacoboni di Greenpeace spiega a Money.it che “adesso ci troviamo in un momento statico in quanto gli investimenti non aumentano e, soprattutto, cittadini e PMI non hanno fiducia nell’investire in questo settore. Le ragioni principali sono due: da una parte l’eccessiva burocrazia, dall’altra la mancanza di una certezza normativa”.

Le strategie da adottare

Tuttavia ci sono alcune best practise, tutte di semplice realizzazione, che le piccole e medie imprese possono adottare per cogliere l’opportunità che la green economy offre loro.
Si va dall’acquisto di parco bici elettriche o del car sharing a carico dell’azienda per permettere di raggiungere il posto di lavoro con minor stress e impatto ambientale, fino allo smart working, strumento che, a costo zero, consente al lavoratore maggiore flessibilità e una migliore gestione del proprio tempo.

Anche il riciclo dei materiali da cancelleria, raramente applicato, rappresenta un enorme risparmio di produzione di rifiuti e una riduzione dei costi energetici; per non parlare di un investimento in pannelli solari che, portando l’autoconsumo e l’autoproduzione, si traduce in risparmio/guadagno da una parte, ma soprattutto in un grande regalo al nostro pianeta.

A questo link l’intervista integrale di Money.it a Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e clima per Greenpeace.