Me
Perché la regina Elisabetta non ha il passaporto?
Condividi su:
regina
La regina del Regno Unito Elisabetta II con la moglie del nipote William, Kate Middleton

Perché la regina Elisabetta non ha il passaporto?

Il motivo per cui la regina del Regno Unito può fare a meno di questo documento è tanto semplice quanto bizzarro

20 Apr. 2018
regina
La regina del Regno Unito Elisabetta II con la moglie del nipote William, Kate Middleton

Il passaporto è per i cittadini di tutto il mondo un requisito imprescindibile per i viaggi intercontinentali.

Per noi italiani è il documento necessario per muoversi verso paesi extra-europei, e va rinnovato ogni dieci anni.

Ma il passaporto è richiesto davvero a tutti?

A quanto pare c’è un illustre personaggio che può farne a meno.

La regina del Regno Unito Elisabetta II, infatti, non ha mai posseduto o avuto bisogno di questo documento per i suoi spostamenti, sebbene abbia visitato circa 128 paesi in 172 visite ufficiali.

Perché? Il motivo è scritto su tutti i passaporti britannici, dove si legge:

Her Britannic Majesty’s Secretary of State requests and requires in the name of Her Majesty all those whom it may concern to allow the bearer to pass freely without let or hindrance and to afford the bearer such assistance and protection as may be necessary”.

“Il segretario di Stato richiede a nome di Sua Maestà che tutti coloro che ne siano in possesso circolino liberamente senza che ci sia ostacolo e che sia offerta loro ogni forma di assistenza necessaria”.

Questo significa che la regina non necessita di passaporto perché è lei stessa a rilasciarlo, seppur solo formalmente.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus