Sondaggi politici elettorali oggi 9 agosto 2020: elezioni regionali, il Pd rischia di perdere Puglia e Marche

Di Marco Nepi
Pubblicato il 8 Ago. 2020 alle 17:50 Aggiornato il 9 Ago. 2020 alle 07:40
411
Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 9 agosto 2020: ultimissimi dati

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Alle prossime elezioni Regionali il Pd rischia di perdere due delle regioni che ancora governa: le Marche e la Puglia. Secondo gli ultimi sondaggi politici pubblicati da “Il Giornale”, i due candidati di centrodestra, “dovrebbero ribaltare la partita”. I sondaggi politici elettorali di Tecnè, nelle Marche danno Francesco Acquaroli (Fratelli d’Italia) tra il 43,5 e il 47,5 per cento, più 7 punti e mezzo sul candidato di centrosinistra Maurizio Mangialardi (36-40 per cento). Situazione molto simile in Puglia: Noto sondaggi dà Raffaele Fitto (centrodestra) avanti di sei punti sul governatore uscente Michele Emiliano. In Puglia, se la Lega secondo il sondaggio è il primo partito al 13 per cento, subito dietro trova Fratelli d’Italia con il 12 per cento. Bene anche Forza Italia che arriva al 10 per cento. Secondo gli ultimi sondaggi politici elettorali, il Partito Democratico dovrebbe “reggere” in Campania (Vincenzo de Luca al 42,5-46,5 contro Stefano Caldoro 37-41 per cento, fonte Tecnè), e in Toscana (Eugenio Giani 44-48 per cento contro la leghista Susanna Ceccardi al 38,5-42,5, fonte Tecnè).

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi  / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

411
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.