Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 31 marzo 2020: la Lega torna sopra quota 30 per cento, stabile il Pd

Immagine di copertina
Matteo Salvini Credits: Ansa

Ecco cosa indicano gli ultimissimi sondaggi politici elettorali di oggi, 31 marzo 2020, partito per partito

Sondaggi politici elettorali oggi 31 marzo: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Situazione invariata per Lega, Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia, continua invece a crescere il Partito democratico: questo è ciò che emerge dai sondaggi politici di fine marzo sulla base delle rilevazioni di sei differenti istituti demoscopici: Emg, Noto, Ixè, Tecnè, Swg e Demos.

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI: I SONDAGGI DI EMG, NOTO E IXE

Lega Nord, incide il minimo di Ixè

Nei sondaggi politici elettorali è impercettibile la variazione per la Lega Nord (-0,1) questa settimana, con un valore pari al 29,0 per cento. A incidere, in negativo, è ancora una volta la rilevazione dell’istituto Ixè, secondo cui il partito di Matteo Salvini è al 26,5 per cento. Dall’altra parte, Winpool attesta al Carroccio il 30,6 per cento.

Sondaggi politici elettorali, Pd in crescita

Trend positivo confermato anche nell’ultima OpenMedia del mese di marzo per il Partito democratico, che sfiora il 22 per cento come valore medio. I dem si attestano al 21,8 per cento, in crescita (+0,3) rispetto alla settimana scorsa. Ad oggi, dunque, il partito di maggioranza del Governo Conte può contare sul supporto degli italiani.

Stallo per Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia

Dopo la frenetica evoluzione delle passate settimane, Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia fanno registrare una situazione di stallo: -0,1 sia per i grillini (14,1 per cento) che per il partito di Giorgia Meloni (13,1 per cento), separati da un punto percentuali. Occorre però sottolineare che per Tecnè e Winpool Giorgia Meloni sarebbe già davanti al Movimento fondato da Beppe Grillo.

Forza Italia e Italia Viva, si allarga la forbice

Continua intanto ad allargarsi la forbice tra Forza Italia e Italia Viva. Il partito di Silvio Berlusconi è dato al 6,2 per cento (+0,2), mentre la neo formazione politica di Matteo Renzi è in difficoltà: -0,2 anche questa settimana, con un valore medio stimato al 3,3 per cento.

Per Renzi arriva il 2,2 per cento da Ixè, minimo storico per Iv.

Leggi anche:
Tutti i sondaggi su TPI
I sondaggi sulla Lega
I sondaggi sul Pd
I sondaggi sul M5S
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fdi e M5S guadagnano ancora consensi, crollano Pd e Lega
Sondaggi / Il primo sondaggio dopo le elezioni: Meloni cresce ancora, boom dei 5 Stelle
Sondaggi / Exploit del M5S, Lega sotto il 10%. Sinistra Italiana e Verdi superano il Terzo Polo
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fdi e M5S guadagnano ancora consensi, crollano Pd e Lega
Sondaggi / Il primo sondaggio dopo le elezioni: Meloni cresce ancora, boom dei 5 Stelle
Sondaggi / Exploit del M5S, Lega sotto il 10%. Sinistra Italiana e Verdi superano il Terzo Polo
Sondaggi / Il sondaggio shock: operai e fasce a basso reddito non votano il Pd, Meloni si impone ovunque, M5S preferito dai più poveri
Sondaggi / Meloni stacca Letta, il Terzo Polo supera FI
Sondaggi / Italiani divisi sulle sanzioni alla Russia
Sondaggi / Fdi stacca il Pd, il M5S cresce ancora e si avvicina alla Lega
Sondaggi / Fdi stacca il Pd, il M5S si avvicina alla Lega: centrodestra avanti di quasi 18 punti
Sondaggi / FdI allunga il divario sul Pd. Il M5s è il partito che cresce di più: raggiunta la Lega
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 2 settembre 2022: si allarga la forbice tra FdI e Pd. Il M5S insidia la Lega