Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici oggi 31 dicembre 2021: per il Quirinale gli italiani hanno due preferenze: Draghi e Berlusconi

Immagine di copertina

Sondaggi politici oggi 31 dicembre 2021

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – Berlusconi insidia Draghi come candidato preferito dagli italiani alla presidenza della Repubblica: è quanto emerge dagli ultimi sondaggi politici elettorali elaborati da YouTrend e presentati da Lorenzo Pregliasco nel corso de L’aria che tira, il programma d’approfondimento mattutino in onda su La7.

Alla domanda su “quale tra questi personaggi preferirebbe come presidente della Repubblica”, infatti, il 17% degli intervistati ha risposto Draghi, mentre il 10 per cento ha optato per Silvio Berlusconi. Percentuali non altissime a dire il vero, dovuto al fatto, come sottolineato dallo stesso Pregliasco, che i nomi proposti erano molti.

L’8% vorrebbe Emma Bonino al Colle, mentre Cartabia e Prodi sono appaiati al 5 per cento. Seguono Veltroni al 4 per cento, Monti al 3 per cento e la coppia Gentiloni-Casini e Casellati-Franceschini al 2%.

Severini, Frattini e Amato ottengono l’1 per cento, mentre altri possibili candidati ottengono il 4%. Il 18% non indica nessuno di questi candidati, mentre il 15% non ha una opinione in merito.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: Tutti i sondaggi

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Gli italiani vogliono che Mattarella resti al Quirinale
Sondaggi / Il Partito democratico rimane al primo posto davanti a Fratelli d'Italia
Sondaggi / Quirinale, gli italiani non vogliono Berlusconi Presidente della Repubblica
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Gli italiani vogliono che Mattarella resti al Quirinale
Sondaggi / Il Partito democratico rimane al primo posto davanti a Fratelli d'Italia
Sondaggi / Quirinale, gli italiani non vogliono Berlusconi Presidente della Repubblica
Sondaggi / Quirinale, gli italiani vogliono un Mattarella bis o Draghi
Sondaggi / Il Pd resta primo partito, Lega e Fratelli d'Italia appaiati
Sondaggi / Draghi e Berlusconi i candidati preferiti per il Quirinale: "Ma le priorità degli italiani sono altre"
Sondaggi / Pd stabile al primo posto, crolla la Lega
Sondaggi / Sondaggi oggi 11 gennaio 2022: chi otterrebbe meno seggi se si votasse oggi
Sondaggi / Dall’arrivo dei vaccini contro Covid-19 al ritiro dall’Afghanistan: i momenti più memorabili del 2021
Sondaggi / Draghi il miglior leader del 2021. Bocciati Salvini e Renzi