Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 28 ottobre 2020: cala la Lega, Pd e Meloni si avvicinano

Immagine di copertina

Sondaggi politici elettorali oggi 28 ottobre 2020: ultimissimi dati

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Netto calo della Lega, proprio mentre il Governo ha approvato le nuove più rigide misure contenute nell’ultimo Dpcm per far fronte all’aumento dei contagi registrato in queste settimane. A rivelarlo è il sondaggio di Swg, presentato il 26 agosto all’interno del Tg La7. In una settimana, il partito di Matteo Salvini ha perso un punto percentuale nei consensi.

Ne beneficiano soprattutto il Pd e FdI, in salita Forza Italia e il M5s. Ma vediamo i dati nel dettaglio. I numeri record delle Europee per Salvini sono ormai un ricordo. Il costante calo del Carroccio favorisce Giorgia Meloni, stabilmente terzo partito del Paese. In leggera flessione il Pd, che comunque vede più da vicino la Lega.

sondaggi politici elettorali

Il partito di Salvini perde un punto e si attesta al 23,3%. Pd (-0,1) stimato al 20,4%, Fratelli d’Italia al terzo posto con il 16,2% (+0,5), M5s al 15,4% (+0,2). Bene anche Forza Italia che sale di 0,3% e si attesta secondo il sondaggio Swg al 6,4%. Tra gli altri partiti Sinistra italiana al 3,8% (+0,1). Cala Italia Viva di Renzi di due decimali e si ferma così al 3,2%. Al 3% Azione di Calenda (-0,2), +Europa al 2,3% (+0,2), infine i Verdi all’1,9% (+0,2).

sondaggi

Come si fanno i sondaggi politici elettorali?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: 1. Tutti i sondaggi  / 2. I sondaggi sulla Lega / 3. I sondaggi sul Pd / 4. I sondaggi sul M5S

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Comunali Napoli: avanti Manfredi, poi Maresca e Bassolino
Sondaggi / Boom di Giorgia Meloni, è a un passo dalla Lega
Sondaggi / Lega, Fratelli d'Italia e Pd divisi da poco più di due punti
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Comunali Napoli: avanti Manfredi, poi Maresca e Bassolino
Sondaggi / Boom di Giorgia Meloni, è a un passo dalla Lega
Sondaggi / Lega, Fratelli d'Italia e Pd divisi da poco più di due punti
Sondaggi / Gli elettori vogliono Conte e Meloni alla guida delle rispettive coalizioni
Sondaggi / Roma: Michetti in vantaggio sul candidato del centrosinistra
Sondaggi / Cresce la fiducia in Mario Draghi: gli elettori del Pd i più soddisfatti
Sondaggi / Gli elettori del Pd si fidano più della Meloni che di Renzi
Sondaggi / La Lega cala ancora: Fratelli d'Italia prepara il sorpasso
Sondaggi / Centrodestra, gli elettori preferiscono Meloni a Salvini
Sondaggi / Il 51% degli italiani è favorevole al blocco dei licenziamenti