Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sondaggi

Sondaggi politici elettorali oggi 1 marzo 2022: PD sempre più primo partito

Immagine di copertina

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI 1 MARZO 2022

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI OGGI – Il Partito Democratico è sempre primo nei sondaggi. Secondo la Supermedia di Agi e Youtrend, il risultato è chiaro: i dem sono ancora in testa e sempre più lontani da tutti gli altri partiti, compreso Fratelli d’Italia, unico tra i grandi a provare a tenere il passo di Letta e dei suoi. Ma vediamo i dati nel dettaglio. Il PD guadagna lo 0,3 per cento in due settimane e arrivano al 21,4 per cento. Il partito più vicino è Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che sale dello 0,1 per cento e arriva al 20,3 per cento. Staccata la Lega di Matteo Salvini, che perde lo 0,4 per cento e scivola al 17,1 per cento. Altrettanto staccato il Movimento 5 Stelle che perde a sua volta lo 0,4 per cento e scende fino al 14,0 per cento. Forza Italia continua a risalire molto lentamente la china. Il partito di Silvio Berlusconi cresce dello 0,3 per cento e risale all’8,4 per cento. A seguire troviamo la federazione tra Azione di Carlo Calenda e +Europa, che sale dello 0,2 per cento e passa al 4,5 per cento, ben distante da Italia Viva di Matteo Renzi: il partito del senatore fiorentino perde lo 0,1 per cento e scivola al 2,9 per cento. Bene i Verdi, che salgono al 2,6 per cento (più 0,2 per cento), mentre Sinistra Italiana di Nicola Fratoianni resta stabile al 2,1 per cento.

COME SI FANNO I SONDAGGI

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne. Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti. Le interviste per i sondaggi politici elettorali di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche: Tutti i sondaggi

Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fratelli d'Italia allunga sul Pd, crolla la Lega
Sondaggi / Referendum sulla giustizia: quorum lontanissimo
Sondaggi / Il Pd si riavvicina a Fratelli d'Italia, crolla la Lega
Ti potrebbe interessare
Sondaggi / Fratelli d'Italia allunga sul Pd, crolla la Lega
Sondaggi / Referendum sulla giustizia: quorum lontanissimo
Sondaggi / Il Pd si riavvicina a Fratelli d'Italia, crolla la Lega
Sondaggi / Fdi guadagna ancora e stacca il Pd, crolla il M5S
Sondaggi / Se si votasse oggi, il centrodestra avrebbe vittoria assicurata
Sondaggi / Fdi vola nei consensi e stacca tutti gli altri partiti
Sondaggi / Italiani divisi sull'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato
Sondaggi / Fdi e Pd volano nei consensi e distanziano Lega e M5S
Sondaggi / Fratelli d'Italia stacca il Pd, Lega in discesa
Sondaggi / Sondaggi politici elettorali oggi 16 maggio 2022: referendum giustizia, solo il 30% andrà a votare: lontano il quorum