Sondaggi politici elettorali oggi 1 maggio 2020: in calo tutti i partiti e i leader, sorridono solo Forza Italia e Berlusconi

Ecco cosa indicano gli ultimissimi sondaggi politici elettorali di oggi, 1 maggio 2020, partito per partito

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 1 Mag. 2020 alle 07:30
177
Immagine di copertina
Silvio Berlusconi Credits: ANSA

Sondaggi politici elettorali oggi 1 Maggio: ultimissimi

SONDAGGI POLITICI ELETTORALI – Negli ultimi sondaggi politici elettorali, tutti i principali partiti sono in calo (o comunque non guadagnano). Così come diminuisce la fiducia degli italiani nei leader politici. Con un’unica eccezione: Forza Italia e Silvio Berlusconi, entrambi in crescita di consensi. Il sondaggio di Emg Acqua per Agorà evidenzia pochi cambiamenti tra i partiti, nonostante un calo di quasi tutte le forze politiche. La Lega perde lo 0,4 per cento ma rimane in testa con il 28,4per cento dei voti. Segue il Pd al 20,7 per cento (-0,2 per cento), mentre è stabile il Movimento 5 Stelle al 14,7 per cento . Nel centrodestra è in calo (dello 0,1 per cento) anche Fratelli d’Italia: è al 13,7 per cento .

In un quadro di decrescita per tutti i principali partiti, l’unica eccezione viene rappresentata da Forza Italia. Il partito di Silvio Berlusconi, infatti, guadagna mezzo punto percentuale, esattamente la stessa cifra persa complessivamente da Lega e Fdi. Ora Fi si attesta al 6,6 per cento . Stabile troviamo, al 5,1 per cento , Italia Viva. In leggera crescita La Sinistra al 2,5 per cento (+0,1 per cento ). Poi Azione è al 2,3 per cento , Europa Verde al 2 per cento e +Europa all’1,5 per cento .

La fiducia degli italiani nei leader resta invariata o è in calo rispetto alla scorsa settimana. Anche in questo caso le eccezioni sono rare e vengono rappresentate da Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Entrambi, comunque, godono di un gradimento tra i più bassi registrati tra tutti i leader. In testa c’è il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in calo dell’1 per cento e ora al 42 per cento . Stabili al 36 per cento sia Giorgia Meloni che Matteo Salvini, mentre perde un punto Nicola Zingaretti (22 per cento ). Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, gode della fiducia del 21 per cento degli intervistati, mentre Berlusconi è al 20 per cento . Al 17 per cento  c’è Carlo Calenda, seguito da Giovanni Toti al 16 per cento . Renzi è penultimo con il 15 per cento , mentre in coda c’è Vito Crimi al 9 per cento.

Come si fanno i sondaggi?

I sondaggi elettorali e politici vengono effettuati da società demoscopiche rispettando criteri scientifici ben precisi. Gli autori delle rilevazioni devono individuare un campione da intervistare sufficientemente ampio e rappresentativo della popolazione che si intende analizzare. Nel caso dei sondaggi sulle intenzioni di voto ai partiti o dell’indice di fiducia dei leader politici dunque gli intervistati devono rappresentare adeguatamente la popolazione italiana maggiorenne, coloro che hanno diritto al voto e che si recano alle urne.

Questo lavoro viene fatto per ridurre al minimo il margine di errore e rendere la rilevazione quanto più attendibile. Di solito un sondaggio politico-elettorale viene considerato affidabile se il margine di errore indicato è del del 3 per cento con un intervallo di confidenza del 95 per cento. È proprio quella di identificare un campione rappresentativo della popolazione la maggiore difficoltà dei sondaggisti.

Le interviste di solito vengono effettuate con una metodologia Cati, telefonicamente, o Cawi, via Internet, o mista. Per effettuare le interviste le società demoscopiche si affidano a società specializzate.

Leggi anche:

Tutti i sondaggi su TPI

I sondaggi sulla Lega

I sondaggi sul Pd

I sondaggi sul M5S

177
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.