Me

Torino, trapiantati due polmoni, fegato e pancreas contemporaneamente sulla stessa persona

Si tratta del primo trapianto combinato mai realizzato in Europa

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 11 Ott. 2019 alle 13:33 Aggiornato il 11 Ott. 2019 alle 13:34
Immagine di copertina

Primo trapianto combinato mai eseguito in Europa al Molinette di Torino

Ieri, giovedì 10 ottobre, i medici dell’ospedale Molinette di Torino hanno realizzato il primo trapianto combinato mai eseguito in Europa. Un intervento record di 15 ore, in cui sono stati trapiantati sulla stessa persona ben 4 organi contemporaneamente: i due polmoni, il fegato e il pancreas.

A sottoporsi all’incredibile operazione un paziente di 47 anni affetto da fibrosi cistica e trasferito alcuni giorni prima dal Policlinico di Bari al reparto di rianimazione del Molinette.

L’uomo era in lista d’attesa per un trapianto di polmoni, ma le sue condizioni sono peggiorate così tanto da dover ricorrere al supporto per la ventilazione meccanica presso il Policlinico del capoluogo pugliese.

Il paziente è poi stato trasferito con un volo di stato a Torino, dove i medici del team multidisciplinare hanno valutato che l’opzione migliore per curare la grave disfunzione del fegato sarebbe stata il trapianto combinato polmoni-fegato-pancreas, che fino a quel momento non aveva mai visto la luce in un ospedale europeo.

L’uomo è stato subito iscritto al Programma nazionale trapianti d’emergenza lunedì 7 ottobre, e già dopo poche ore si sono resi disponibili gli organi di un giovane donatore, deceduto per trauma cranico in Piemonte. La maratona chirurgica è iniziata la notte stessa per durare poi 15 ore, coordinata dal Centro regionale trapianti.

A prelevare gli organi, due èquipe inviate sul posto, mentre in sala operatoria i team chirurgici e anestesiologici del Centro trapianto di polmone e del Centro trapianto di fegato si sono alternate per portare a termine l’operazione.

L’intervento risulta tecnicamente riuscito. Ora il paziente è ricoverato nel reparto di Terapia intensiva cardiochirurgica e la funzione degli organi trapiantati è ripresa regolarmente.

Il chirurgo del record trapianti: “Stanco dei politici incompetenti che non fanno che tagliare alla sanità”