Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Le mamme girano un porno e lo mostrano ai figli: il nuovo reality per spiegare il sesso ai teenagers

Immagine di copertina
La madri protagonisti del reality show

"Mums Make Porn" sta facendo molto discutere nel Regno Unito: il programma si propone di promuovere nei ragazzi una sessualità sana

Nel Regno Unito sta facendo discutere un nuovo reality show sul sesso in onda su Channel 4. Il programma si intitola “Mums Make Porn” e vede un gruppo di madri alle prese con la scrittura e la regia di un film porno, che viene poi mostrato ai loro figli adolescenti.

Il reality viene presentato con l’obiettivo di promuovere nei ragazzi atteggiamenti sani verso il sesso. Il porno realizzato dalle mamme viene contrapposto ai film prodotti dall’industria dell’hard, considerati in gran parte diseducativi e a cui i millenials possono accedere gratuitamente attraverso i numerosi siti web porno che si trovano in Rete.

Le madri lavoravano con esperti del settore e ricevono tutti gli strumenti necessari per realizzare il film. Sono affiancate da professionisti in tutte le fasi di realizzazione della pellicola, dalla scrittura al casting, dalla regia al montaggio: il film deve essere completamente approvato dalla madre.

Prima di cimentarsi nella realizzazione della loro opera le madri hanno assistito alla proiezione di alcuni film hard e molte di loro sono rimaste scioccate dalle immagini, in particolare dal ruolo riservato alla figura della donna e dalla rappresentazione fittizia dell’atto sessuale.

“Se mio figlio trattasse una donna in quel modo, gli darei un calcio”, ha commentato una delle madri protagoniste del reality, Sarah Louise.

Spesso oggi i film porno sono la principale fonte di informazione per i giovani in materia di educazione sessuale e il programma “Mums Make Porn” si propone, almeno in teoria, di fornire ai ragazzi un punto di vista più maturo ed etico.

Nel corso del programma le mamme incontrano alcune star del porno, come Zara DuRose, che ha suggerito loro alcuni stratagemmi da usare sul set, come quello di utilizzare un impasto di acqua e farina per simulare lo sperma.

La reazioni delle madri nel vedere dal vivo come nasce un film porno è stata in molti casi di disgusto. “Speravo era qualcosa di molto più reale e intimo”, dice una di loro.

Le preoccupazioni delle donne sono diminuite dopo l’incontro a Barcellona con la regista “etica” del porno Erika Lust [TPI l’ha intervistata alcuni mesi fa].

I suoi film porno “femministi” si concentrano sul piacere femminile e ricorrono a “donne vere” anziché di pornostar stereotipate. Il 40 per cento dei suoi abbonati sono donne.

Le mamme sono state sul set di un film di Erika, durante la rappresentazione di un’orgia femminile con giocattoli sessuali di cristallo. “Quella era una scena di sesso impressionante. Se riuscissimo a ottenere qualcosa del genere, sarebbe fantastico”, ha commentato Emma.

Il programma divide però il pubblico. Durante la prima puntata gli utenti dei social si sono divisi. Alcuni apprezzato (“Buon lavoro Channel 4”, “programma affascinante”), molti altri si sono detti “sgomenti”: “Cosa sta succedendo a questo paese?”, si è chiesta una persona su Twitter.

>>>La regista Erika Lust: “Vi racconto il mio porno femminista che libera le donne”

Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Ti potrebbe interessare
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”