Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:26
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Le ‘canne’ in gravidanza non fanno bene ai bambini: danni al sistema cerebrale

Immagine di copertina

La cannabis è la droga illegale più usata nel mondo dalle donne incinte, a volte assunta come rimedio per le nausee mattutine o per l'ansia

Le ‘canne’ in gravidanza creano danni al sistema cerebrale dei bambini

Le “canne” in gravidanza non fanno bene ai bambini che nasceranno: ci sono conseguenze negative sullo sviluppo del sistema centrale del bambino. È uno dei risultati di un nuovo studio effettuato dai ricercatori dell’Università di Cagliari e guidato da Miriam Melis, in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora.

In particolare lo studio rivela come l’uso durante la gravidanza della cannabis e l’esposizione al suo principale componente psicoattivo – il THC – modifichi il sistema dopaminergico della prole e la renda suscettibile ai suoi effetti psicotici durante la preadolescenza.

Il lavoro, che esce oggi, 15 ottobre, sulla prestigiosa rivista internazionale “Nature Neuroscience”, mostra come l’uso di una droga considerata “leggera”, se assunta durante la gravidanza modifichi la regione cerebrale importante per le emozioni, il piacere e diverse funzioni cognitive, così come fanno cocaina e l’alcol.

Un’evidenza, spiegano gli esperti, molto importante perché, con la crescente legalizzazione della marijuana e la diffusa percezione di una sua sostanziale innocuità, la cannabis è la droga illegale più usata nel mondo dalle donne incinte, a volte assunta come rimedio per le nausee mattutine o per l’ansia.

Gli autori dello studio sperano quindi che la loro scoperta sulle “canne” in gravidanza aiuti il processo di consapevolezza.

D’altronde – questo il ragionamento – gli studi dimostrano come rispetto ai loro pari questi bambini siano iperattivi, disattenti, più impulsivi e più suscettibili alle psicosi. Non sorprende quindi gli autori che anche lo sviluppo del loro sistema dopaminergico sia alterato.

Gli stessi ricercatori però sono stati in grado di correggere le modificazioni cerebrali, a livello sia cellulare sia comportamentale, riuscendo a proteggere i piccoli esposti al THC con un farmaco attualmente approvato dall’agenzia americana del farmaco (Food and Drug Administration) in diversi studi clinici per il trattamento della schizofrenia, del disturbo bipolare e dei disturbi psichiatrici associati all’uso di cannabis.

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire