Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:24
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Zagarolo, il Pci celebra la “Festa della Vittoria” russa: “Onoriamo la liberazione dell’Europa dal nazifascismo”

Immagine di copertina

La sezione del Pci Monti Prenestini-Casilina, a Roma, ha organizzato un evento per commemorare la “Festa della Vittoria”, che segna la capitolazione nel 1945 del Terzo Reich all’Armata Rossa del generale Zhukov. La festa, in programma l’8 maggio a Zagarolo, “onorerà la Grande Guerra Patriottica dell’Unione Sovietica che ha portato alla Liberazione d’Europa dalla Bestia Fascista”, recita il manifesto dell’evento, in cui la Z di Zagarolo evidenziata in grande ricorda la lettera diventata simbolo dell’invasione russa dell’Ucraina.

S&D

“Oggi in un mondo in cui vige una narrazione unica, nella quale vengono riabilitati opportunisticamente simboli e gesta dei Nazifascisti, con una NATO un UE che armano il Battaglione Azov Nazista e Banderista e che vede l’Italia in prima fila contro la Resistenza del Donbass e nell’invio di armi contro i loro alleati russi, attraverso questa iniziativa vogliamo ribadire i concetti cari al Partito Comunista Italiano“, scrivono i comunisti della sezione Monti Tiburtini-Casilina di Roma.

“1) Siamo contro e condanniamo ogni forma di equiparazione fra nazismo e comunismo; 2) l’Italia ripudia la Guerra secondo l’art 11 della Costituzione; 3) Noi comunisti siamo per un’ Europa dei Popoli, che vada da Lisbona agli Urali, per un’Ucraina neutrale e antifascista, che funga da ponte tra Asia e Europa, per una collaborazione con la Russia, per la PACE E LA PROSPERITA del Continente Europeo che deve liberarsi dal Giogo degli Stati Uniti d’America; 4) Siamo per un’Italia libera e indipendente, fuori dalla Nato per costruire una società basata sulla Rivoluzione Promessa, la Costituzione del 1948″, continua il manifesto.

Come riporta l’edizione romana Repubblica, la il Pci ha negato l’intento provocatorio dell’iniziativa. “La festa l’abbiamo organizzata anche l’anno scorso. Nessuna provocazione. Commemoriamo i caduti sovietici nella zona dei Monti Prenestini”, hanno dichiarato, specificando che la Z in maiuscolo c’è sempre stata: “E’ il nastro di San Giorgio, un nastro commemorativo. C’è sempre stato”.

 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nel Governo di Giorgia Meloni ci sono gli stessi disvalori del Fascismo
Politica / Crosetto: “Scurati? Censura fuori dal tempo, impoveriscono la Rai”
Politica / Europee, nel simbolo Pd non c'è il nome di Elly Schlein e in quello del M5S compare l'hashtag #pace
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nel Governo di Giorgia Meloni ci sono gli stessi disvalori del Fascismo
Politica / Crosetto: “Scurati? Censura fuori dal tempo, impoveriscono la Rai”
Politica / Europee, nel simbolo Pd non c'è il nome di Elly Schlein e in quello del M5S compare l'hashtag #pace
Politica / Europee, Conte: "Candidatura di Schlein? Condivido le parole di Prodi, è una ferita per la democrazia"
Politica / Elezioni Europee, Conte deposita il simbolo del M5S: alle sue spalle spunta Calderoli | VIDEO
Politica / Compagni nella vita, avversari in politica: il curioso caso di Marco Zanleone e Paola Pescarolo
Politica / Meloni attacca Scurati, la replica dello scrittore: "Chi esprime un pensiero deve pagare un prezzo?"
Politica / Elezioni europee, ecco tutti i simboli depositati per le elezioni
Politica / Elezioni Europee: oggi e domani il deposito dei contrassegni al Viminale
Politica / Lilli Gruber contro Giorgia Meloni: "Ha un problema con la grammatica"