Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Chi è Veronica Atitsogbe, la prima italiana di seconda generazione a presiedere il Consiglio comunale di Verona

Immagine di copertina

Chi è Veronica Atitsogbe, la prima italiana di seconda generazione a presiedere il Consiglio comunale di Verona

Veronica Atitsogbe, 28enne nata a Verona da genitori originari del Togo, presiederà la prima seduta del Consiglio comunale di Verona. È lei la più votata nelle liste di Damiano Tommasi, il neo eletto sindaco della città veneta, “strappata” alla destra. Atitsogbe è la prima italiana di seconda generazione all’assemblea municipale di Verona. Ma conosciamola meglio.

Veronica Atitsogbe, come detto, è nata a Verona da genitori originari del Togo, laureata in scienze politiche, figura tra le fondatrici dell’associazione Afroveronesi, lavora in banca, dopo uno stage più assunzione in prefettura, ed è la prima italiana di seconda generazione a entrare nel consiglio comunale di Verona. “I miei genitori inizialmente non erano tanto propensi ad appoggiarmi in questo cammino politico – ha raccontato – probabilmente più per protezione, perché esporsi non è mai tanto facile. Poi nel vedere quanto ci tenessi e quanto mi impegnassi sono stati travolti e sono stati i primi a volantinare, a portare tra la gente l’idea di Damiano Tommasi”.

Laureata in Studi internazionali nel 2016 all’Università di Trento e in Governance dell’emergenza nel 2020 all’Università di Verona, ha fondato l’Associazione Afroveronesi, punto di riferimento per 40 ragazzi di origine africane nati o cresciuti in Italia. “Quello che vorrei portare ora in Comune è una maggiore partecipazione di persone come me che spesso sono state escluse dalla voce politica della città ma che vi sono presenti, vorrei che fossero coinvolte maggiormente nelle decisioni. Questo lo si può fare ascoltando le loro voci, le loro esigenze, andando presso queste persone”.

Al primo turno Veronica Atitsogbe ha raccolto 329 preferenze nella Lista “Damiano Tommasi Sindaco”, che è stata la più votata con il 15,94 per cento delle preferenze. Per il neo eletto sindaco ha solo buone parole: “Ha saputo mostrarsi per quello che è, genuino ma soprattutto pronto all’ascolto delle persone, dei giovani in particolare. E questo ha fatto la differenza”.

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Politica / Cottarelli: “Il presidenzialismo non mi piace, accentuerebbe la personalizzazione della politica”
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"
Politica / Giorgia Meloni contro il Reddito di cittadinanza: "È un fallimento totale"
Politica / La gag di Berlusconi: "Il 25 settembre vota il Partito Comunista"
Politica / Quando Meloni diceva: "Mussolini è stato un buon politico"