Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Una riforma della giustizia da far paura: tutti i numeri dietro il flop congegnato dalla Cartabia

Immagine di copertina
Credit: AFP

Sei milioni di processi arretrati e carenze croniche di personale, ma né la riforma Cartabia né i miliardi del Pnrr risolveranno i problemi. L’inchiesta sul quarto numero del settimanale TPI - The Post Internazionale, in edicola dall’8 ottobre

Si fa presto a dire riforma della giustizia. E “ce lo chiede l’Europa”. E promettere lo smaltimento di 6 milioni di processi arretrati entro il 2026. Ancora più facile prevedere nel Pnrr “un incremento della produttività degli uffici giudiziari” per ”abbattere la durata media dei processi civili del 40% e dei processi penali del 25%”. Ma se si guarda il piano della ministra Cartabia dal punto di vista degli addetti ai lavori tutto sembra difficilissimo. Anzi: improbabile.

Secondo Massimo Battaglia, il segretario nazionale del sindacato Confsal-Unsa, “la macchina non può reggere. Spenderemo oltre 2 miliardi di euro e non risolveremo granché”. Dalla misure alternative al carcere alle assunzioni precarie previste nei tribunali fino alla situazione “squallida” dell’edilizia giudiziaria, abbiamo analizzato uno per uno tutti i punti deboli della riforma varata dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Politica / Massimo Giannini: “Io, svegliato alle 4 notte per una querela per diffamazione. Dietro c’è una regia politica”
Politica / Perché la mancanza di una legge elettorale uguale in tutta l'Ue è un problema
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Ti potrebbe interessare
Politica / Massimo Giannini: “Io, svegliato alle 4 notte per una querela per diffamazione. Dietro c’è una regia politica”
Politica / Perché la mancanza di una legge elettorale uguale in tutta l'Ue è un problema
Opinioni / Comunque vadano le elezioni, una cosa è certa: oggi l’Europa politicamente non esiste
Politica / Le partite della politica italiana nella partita delle elezioni europee
Politica / Generazione euro: così i giovani possono fare la differenza alle europee
Politica / Non solo Vannacci e Salis: ecco i candidati da tenere d'occhio
Politica / Tutti i partiti e le liste in corsa in Italia
Politica / Difesa, ambiente, IA: i temi chiave delle elezioni europee
Politica / Yanis Varoufakis a TPI: “L’Europa è diventata un continente fallito, idiota e pericoloso”
Politica / Ferrara (M5S) a TPI: “Con Meloni è tornata l’austerity: un governo forte con i deboli e debolissimo con i poteri forti”