Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Liguria, Toti pubblica la foto della prima nata a Genova: insulti razzisti e scontro con la Lega

Immagine di copertina

Durante la notte di Capodanno e nelle ore successive in Liguria sono nati diversi bambini: la prima è stata Morena, nata 13 minuti dopo la mezzanotte; qualche ora dopo è venuto alla luce Louis, figlio di una coppia albanese residente a Taggia, nell’Imperiese: poi Graeter, una bimba di origini nigeriane, nata alle 3,50 al Policlinico San Martino; e Wilson Fabian, nato alle ore 7,58 al Gaslini, figlio di ecuadoriani. “Siete la nostra speranza, il nostro futuro, la forza per non mollare in questo nuovo anno che è appena iniziato – ha scritto su Twitter il governatore ligure Giovanni Toti -. Benvenuti al mondo piccoli e auguri alle vostre famiglie a nome mio e di tutta la Liguria”.

Parole che però hanno scatenato la polemica razzista da parte di chi ritiene sbagliato considerare liguri questi bambini. “Chi nasce in Liguria è ligure!”, ha scritto il presidente in risposta agli insulti. “I commenti razzisti verranno rimossi dai moderatori della pagina – ha proseguito -. Una bambina che viene al mondo è una benedizione e va accolta come tale, senza polemiche inutili e dannose a qualsiasi dibattito democratico. Proviamo a iniziare il 2021 con un nuovo passo”.

La presa di posizione della Lega

Sulla vicenda è poi intervenuto il capogruppo regionale della Lega, Stefano Mai: “Non si può definire italiano, né ligure, chi nasce sul nostro territorio da genitori stranieri. Auguri e benvenuti a tutti i nuovi nati del 2021 in Liguria, ma ribadiamo che per essere italiani e liguri sia necessario intraprendere un percorso ben definito e quindi richiedere successivamente la cittadinanza, secondo quanto previsto dalle norme vigenti. No allo Ius soli”.

“Con la Lega al governo in Liguria così come, speriamo presto, a Roma – ha aggiunto Mai – non accadrà mai che l’acquisizione della cittadinanza italiana avvenga come semplice conseguenza del fatto giuridico di essere nati in Italia. Occorre difendere le nostre tradizioni e la nostra identità. Pertanto, la trasmissione alla prole della cittadinanza dei genitori, sulla base della discendenza e non del luogo di nascita, è fondamentale”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Politica / Pillon: “I maschi devono gareggiare con i maschi e le femmine con le femmine”
Politica / Cassese a TPI: “C’è un uso abusivo dello stato d’emergenza”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Politica / Pillon: “I maschi devono gareggiare con i maschi e le femmine con le femmine”
Politica / Cassese a TPI: “C’è un uso abusivo dello stato d’emergenza”
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al Colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)