Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il Tar brucia l’inceneritore di Roma: Cingolani commissariato dal suo factotum

Immagine di copertina

Il sindaco Roberto Gualtieri ha promesso di realizzare un nuovo termovalorizzatore a Roma prima dell’inizio del Giubileo e per questo il governo Draghi, sfidando le ire del Movimento 5 Stelle, l’ha nominato commissario per la monnezza della Capitale. Ma è tutto in salita. Perché nel frattempo è Palazzo Chigi ad essere stato commissariato sui rifiuti: lo ha deciso il Tar quando ha scoperto che il ministero dell’Ambiente non ha ancora sottoposto a valutazione ambientale strategica (Vas) il piano nazionale varato nel 2016 per stabilire quali e quanti impianti di smaltimento dovessero essere realizzati per garantire ad ogni regione l’autosufficienza. Piano previsto dal decreto Sblocca Italia approvato all’epoca di Matteo Renzi (che aveva previsto il potenziamento dei 40 impianti esistenti sul territorio nazionale e la realizzazione di altri 8 termovalorizzatori tra cui uno nel Lazio), bypassando la procedura nel corso della quale si accerta quali siano i fabbisogni regionali effettivi e le eventuali soluzioni alternative ai termovalorizzatori offerte all’economia circolare che ci chiede l’Europa.

La Valutazione ambientale strategica deve esser fatta, ma invece niente. Come si è scoperto nei mesi scorsi quando la Presidenza del Consiglio, incalzata dal Tar, ha fatto lo scaricabarile chiedendo lumi al ministero di Roberto Cingolani che non ha neppure risposto. Di qui la condanna dei giudici amministrativi che hanno ordinato alle Amministrazioni di adempiere entro 180 giorni. E per non rischiare che si faccia ancora una volta melina, hanno anche nominato con effetto immediato un commissario ad acta. Chi? Roberto Cerreto ossia il capo di gabinetto di Cingolani, ministro commissariato dal suo factotum.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Ti potrebbe interessare
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”