Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Taglio dei parlamentari, cosa succede adesso: le prossime tappe della riforma costituzionale

Immagine di copertina

Taglio dei parlamentari, cosa succede adesso: le prossime tappe della riforma costituzionale

Il Parlamento ha approvato in via definitiva il taglio dei parlamentari. La riforma costituzionale è legge. Con 553 voti la Camera dei deputati approva in quarta lettura la riforma che prevede un taglio di 345 parlamentari. L’iter per l’approvazione era iniziato alcuni mesi fa: il 7 febbraio 2019 il ddl costituzionale aveva ricevuto la prima approvazione dall’Aula del Senato, il 9 maggio la prima approvazione alla Camera, l’11 luglio la seconda approvazione in Senato e oggi 8 ottobre la seconda approvazione alla Camera.

Questo iter si è reso necessario perché si trattava di un ddl costituzionale, e l’ italiana prevede che le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali siano adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi.

Le leggi costituzionali devono essere approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.

Ma che succede adesso che il ddl ha ricevuto le due successive deliberazioni da entrambe le Camere? Come ogni legge di revisione costituzionale, anche questa riforma sul taglio dei parlamentari può essere sottoposta a referendum popolare entro 3 mesi dalla pubblicazione.

Che cos’è il referendum confermativo

Come recita l’articolo 138, le leggi costituzionali possono essere sottoposte a referendum confermativo, detto anche referendum costituzionale o sospensivo. Per procedere con il referendum è necessario però che ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.

Il referendum in questione non prevede un quorum, ossia si procede al conteggio dei voti validamente espressi indipendentemente se abbia partecipato o meno alla consultazione la maggioranza degli aventi diritto, a differenza pertanto da quanto avviene nel referendum abrogativo.

Non è possibile ricorrere al referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.

Il referendum costituzionale del 2016

Un referendum del genere, il terzo nella storia della Repubblica italiana, si tenne il 4 dicembre 2016, e si concluse con la bocciatura della riforma Renzi-Boschi.

In quell’occasione si recarono alle urne il 65 per cento degli aventi diritto al voto.

La riforma in questione aveva ricevuto l’approvazione in via definitiva dalla Camera dei deputati il 12 aprile 2016, e nello stesso mese fu fatta domanda per procede con il referendum. I precedenti referendum costituzionali risalgono al 2001 e al 2006. Nel primo caso vinse il sì, nel secondo prevalse il no.

Cosa prevede il ddl costituzionale sul taglio dei Parlamentari

Il ddl costituzionale n. 214-515-805-B prevede un taglio dei parlamentari, che diventano 400 alla Camera e 200 al Senato. In totale i parlamentari passano dagli attuali 945 a 600. Il ddl, a firma dei senatori Quagliarello, Calderoli, Perilli, Patuanelli e Romeo, introduce modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari.

Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “La nostra piazza più forte di loro”