Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”

Immagine di copertina

“Io fondamentalmente voglio mettermi in contatto con i futuri sindaci e dire: regà, basta scherzà, le idee dei vostri cittadini sono queste! Quale volete realizzare? Quale volete sposare? Ditemelo ora così poi ve rompo er cazzo quando sarete eletti! Hai capito Mattè?”

Quello che sta parlando col sottoscritto è Riccardo Pirrone. E, se magari il nome vi è nuovo, probabilmente lo conoscete, invece, come il social media manager di TAFFO: l’uomo che ha trasformato un’agenzia di pompe funebri in un fenomeno di costume (e oggi anche virtuoso franchising che da Roma ha conquistato o, meglio, “steso” mezza Italia).

Quello che, col suo fare singolarmente appassionato, mi sta raccontando è il progetto “Fai la storia” che è partito ieri sul web e ha già conquistato l’attenzione dell’attuale sindaca di Roma, Virginia Raggi.

roma taffo

Se il riassunto iniziale non vi è bastato vado nel dettaglio: Riccardo, insieme a Renato Scattarella, digital strategist di multinazionali e appassionato di storia del territorio, hanno coinvolto, insieme a influencer chiamati a far conoscere e spargere il messaggio al meglio, 600 cittadini che non hanno mai fatto politica ma che hanno come obiettivo quello di aiutare Roma in vista delle prossime elezioni del 3 e 4 ottobre.

fai la storia

“Sono venute fuori idee, progetti, iniziative, cose assolutamente non banali che riguardano tutta la città” continua a raccontarci. “Ora il nostro compito è fare pressione su chi sarà il prossimo primo cittadino perché ci lavori su. D’altronde chi è il sindaco se non colui che fa le veci dei cittadini? Per cominciare abbiamo “rifatto” i manifesti elettorali dei candidati come dovrebbero realmente essere. La scelta del romanesco non è casuale: mette in allerta i candidati al Campidoglio sul fatto che ora i romani si sono attivati e vogliono “fare la storia”.

fai la storia
I manifesti “alternativi” di “Fai la storia” di Virginia Raggi e Carlo Calenda
fai la storia
I manifesti “alternativi” di “Fai la storia” di Enrico Michetti e Roberto Gualtieri

Appena i manifesti “alternativi” sono stati postati il primo riscontro: la sindaca in carica Virginia Raggi l’ha condiviso…
Eh sì, dicendoci che ci farà sapere quale di questi progetti vorrà e potrà realizzare. Che poi alcuni sono veramente semplici: dai tuk tuk ecologici, all’istituzione di un giubileo per il 2025, la realizzazione di piste ciclabili o un trenino attorno al Grande Raccordo Anulare. Io credo che risponderanno tutti i candidati tranne Michetti (che scappa pure con gli altri candidati figurarsi con noi), ma anche se non si attiveranno dopo la nostra call, fidatevi che avremo altri modi che li costringeranno a fare i conti con noi. Sindaco avvisato, mezzo salvato.

Riccardo, però, la prima cosa che mi viene da pensare è: ma perché allora non vi siete candidati? Facevate una vostra lista ed eravate tutti contenti.
Ma no, è questo lo sbaglio. Ognuno deve fare il suo mestiere: io non sono un politico. Sono un comunicatore. Metto in relazione utenti con progetti e istituzioni in modo che ci siano giovamenti per entrambi. I cittadini così si sentono ascoltati e partecipativi. E magari non ti parcheggiano più in quinta fila sulla ciclabile. Ma come? L’hai voluta tu e ora me la tratti così? Eh no!

Allora diciamo: siete le sardine in salsa romana!
Eh no, le sardine si lamentavano e basta. Non c’era un progetto che fosse uno. Ora Mattia Sartori si candida e che vuole fare? Lo stadio del frisbee. Capisci la differenza? Qui non si lamenta nessuno ma prendiamo di petto chi verrà. Siamo un customer care all’ennesima potenza.

Tu hai già deciso chi voterai?
Beh, ma ovvio che non lo so. Voterò ovviamente chi mi convincerà di più e farà meno il paraculo!

Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Se non ci fosse Michetti bisognerebbe inventarlo