Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

I sindaci battono cassa e sperano in un aumento di stipendio: Senato pronto all’obolo

Immagine di copertina

Molti non sono ancora stati eletti ma già possono sperare in un aumento. Oggi i 7.904 sindaci italiani guadagnano infatti troppo poco: 1.659 euro lordi al mese nei comuni fino a tremila abitanti, 1.952 in quelli fino a cinquemila; nei capoluoghi di provincia arrivano a 10.080 euro, a 12.420 nei capoluoghi di regione. Il Senato, in commissione Affari costituzionali, il 21 settembre scorso ha cominciato a parlare di ritocchi.

Ben cinque i ddl all’esame: Luigi Zanda, Pd, Ignazio La Russa, FdI, Matteo Salvini, Lega, Virginia Tiraboschi e Nazario Pagano, Forza Italia, con due proposte separate. Ma di quanto va aumentato l’assegno? Per il Pd bisogna parametrarlo a quello di governatori e consiglieri regionali (costo previsto: 220 milioni), mentre Fdi e Fi (Pagano) puntano a garantire ai sindaci delle città metropolitane lo stesso stipendio dei parlamentari. La Lega, invece, ha come asticella il trattamento dei presidenti di sezione della Cassazione. E Tiraboschi? Vuole utilizzare i risparmi derivanti dal taglio dei parlamentari per destinarli ai sindaci dei piccoli comuni.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Ti potrebbe interessare
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”
Politica / Sparo a Capodanno, Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: “La pistola è stata sempre in mano sua”