Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Salvini rilancia dopo lo stop in Cdm: “Decreto sicurezza bis limato, sono pronto”

Immagine di copertina

Salvini news | Dopo lo scontro in Consiglio dei ministri sul decreto sicurezza-bis di lunedì 20 maggio, sul quale il premier Giuseppe Conte avrebbe fatto pesare i dubbi del Colle in merito alle misure riguardanti migranti e sicurezza urbana, il ministro dell’Interno Matteo Salvini rilancia e annuncia di aver modificato il testo, così da riuscire a vararlo entro le Europee: “Sono 17 articoli, limati ieri notte – ha dichiarato il vicepremier – Il decreto è pronto, io sono pronto”.

>Qui tutte le news sul governo

L’impianto originale della misura entrata in Cdm prevede una sanzione fino a 50mila euro da comminare a comandante, armatore e proprietario della nave, e la possibilità di confiscare l’imbarcazione, nel caso questa trasportasse più di 100 persone.

Salvini news | Modifiche Decreto sicurezza bis

L’articolo 2 del provvedimento apporta invece alcune sostanziali modifiche al codice della navigazione, con l’attribuzione al ministro dell’Interno del potere di “limitare o vietare il transito e la sosta di navi mercantili o unità da diporto o di pesca nel mare territoriale per motivi di ordine e sicurezza pubblica e comunque in caso di violazione”, prima in capo al ministero delle Infrastrutture. (Qui un approfondimento sul decreto sicurezza bis)

Ma è l’articolo 3 quello rivelatore del nervosismo sull’operato della procura di Agrigento, guidata dal procuratore Luigi Patronaggio. Il testo del provvedimento prevede infatti un accentramento di competenze in capo alle procure distrettuali e quindi quelle di Palermo e  Catania (guidata da Carmelo Zuccaro).

Dopo la fumata nera e le tensioni, Matteo Salvini critica anche la possibilità di varare il provvedimento dopo le europee, come proposto da Conte, premendo per una soluzione entro il 26 maggio.

Sulla questione è intervenuto anche l’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che intervistato al forum Ansa ha dichiarato: “Sul decreto sicurezza ci sono dubbi del Quirinale, penso che con le interlocuzioni si possano risolvere i dubbi e andare avanti. Dopo che la Lega ha aperto lo scontro con il Papa, con il segretario della Cei, adesso ci manca solo lo scontro con il presidente della Repubblica e abbiamo fatto la collezione”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Ti potrebbe interessare
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”
Politica / Draghi irritato con Lamorgese per la circolare sui tamponi gratis ai portuali di Trieste
Cronaca / Scontri a Roma, Lamorgese: “Nessun arresto per evitare rischi”. Meloni attacca: “È strategia della tensione”
Politica / Salvini incontra Draghi: “Sono preoccupato per il Paese, deve guidare la pacificazione nazionale”
Politica / CasaPound sta con Forza Nuova: “No allo scioglimento, non torniamo alla Santa Inquisizione”