Covid ultime 24h
casi +8.864
deceduti +316
tamponi +146.728
terapie intensive -67

Salvini incontra vertici San Marino sullo Sputnik. Anche Bonaccini spinge per il vaccino russo

Di Anna Ditta
Pubblicato il 4 Mar. 2021 alle 08:29 Aggiornato il 4 Mar. 2021 alle 16:06
344
Immagine di copertina

Il leader della Lega Matteo Salvini ha incontrato ieri Teodoro Lonfernini, segretario di Stato di San Marino, per un colloquio a proposito dei vaccini anti-Covid, e in particolare sul russo Sputnik, arrivato a San Marino negli scorsi giorni, e ora oggetto di desiderio di tanti Paesi europei. Salvini “ha voluto sapere come abbiamo fatto a ottenerlo in tempi rapidi”, ha detto Lonfernini all’Adnkronos.

“Noi abbiamo assicurato che funziona”, ha aggiunto il segretario di Stato di San Marino, “la nostra comunità scientifica lo ha ritenuto valido. Ci siamo avvalsi dei nostri rapporti storici con la federazione russa, poi siamo entrati in contatto con il Fondo sovrano che lo produce, così lo abbiamo ottenuto”.

Salvini dopo incontro su Sputnik: “Muoversi a 360 gradi”

Al termine dell’incontro Salvini aveva dichiarato: “Bisogna fare in fretta. Alla domanda se va bene anche il vaccino russo? Rispondo che per me sia prodotto in Russia, nuova Zelanda, Israele, basta che funzioni. Fanno bene quei Paesi europei come l’Austria che si stanno muovendo a 360 gradi. La salute viene prima di tutto. Qua non ci sono ragionamenti di alleanze geopolitica. Se l’Europa avesse fatto quello che ci aveva promesso non saremmo qua”.

“Io ritengo che fanno bene quei governi europei, Austria, Danimarca, Ungheria, Repubblica ceca, Slovacchia e altri ne seguiranno che si muovono a 360 gradi. E prima l’agenzia del farmaco europea e dà il suo ok a Johnson and Johnson meglio è”, ha continuato Salvini. “Devo aspettare da Bruxelles altri tre mesi per vedere se mi arriva quello che mi è stato promesso? No, mi muovo prima”, ha concluso.

Anche Bonaccini chiede lo Sputnik: la Lega in Emilia lo applaude

A spingere per l’utilizzo del vaccino russo ieri è stato anche il presidente dell’Emilia Romagna e della conferenza Stato-Regioni Stefano Bonaccini (Pd). “Chiediamo chiarezza su Sputnik. Se ha validità ci attendiamo l’approvazione e acquisto”, ha dichiarato il governatore emiliano-romagnolo. “Credo che venerdì incontreremo il nuovo commissario, il generale Figliuolo. L’auspicio di tutti è che nel paese e anche in Emilia Romagna arrivino molti più vaccini rispetto a prima e vi sia una svolta dal punto di vista delle forniture”, ha aggiunto.

Le sue dichiarazioni gli hanno fatto incassare il plauso della Lega in Regione. Già negli scorsi giorni c’era stata “sintonia” tra Bonaccini e i leghisti sul tema della riapertura dei ristoranti nelle zone gialle. Ora la nuova convergenza sul tema dei vaccini.

Leggi anche: 1. Bonaccini: “Salvini ragionevole sulle riaperture”. E il leghista lo rilancia sui social /2. Pd: dopo Bonaccini, Salvini “flirta” anche con il sindaco Nardella (critico verso Zingaretti) /3. Covid, lo Spallanzani promuove il vaccino russo Sputnik: “Funziona”

4. Vaccini, Magrini (Aifa): “Sputnik? Ottimo, ma prima servono i dati” /5. Le falle del piano vaccini: 70enni e vulnerabili scoperti, professori universitari e impiegati Asl vaccinati  /6. Incontro tra Giorgetti e Farmindustria al Mise: “Pronti a produrre vaccini in Italia dall’autunno”

344
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.